LA MALATTIA DI ALZHEIMER DALLA RICERCA DI BASE ALL'ASSISTENZA

Condividi su
Data dell'evento: 21/03/2019
Alzheimer-Orbassano2019

LA MALATTIA DI ALZHEIMER
DALLA RICERCA DI BASE ALL'ASSISTENZA
21 marzo 2019 | h. 8:30 - 17:30

AOU San Luigi Gonzaga, Orbassano (TO)
Sala Conferenze | Centro Regionale Antidoping
Regione Gonzole 10 - Orbassano (TO)

L’invecchiamento della popolazione ha determinato un aumento delle malattie croniche e degenerative. Tra queste la demenza rappresenta la patologia a maggior impatto sia dal punto di vista umano che sociale.
In Italia i pazienti affetti da demenza sono oltre un milione; si stima che nel 2050 questo numero raddoppierà comportando importanti ripercussioni sul nostro sistema sanitario.
In Piemonte, al momento, le stime parlano di circa 80.000 pazienti affetti da patologia dementigena.

La Malattia di Alzheimer (AD) rappresenta la forma più frequente di demenza (60%) e interessa prevalentemente i soggetti con età superiore ai 65 anni (ad 80 anni circa il 40% dei soggetti ne è affetto). La demenza di Alzheimer costituisce una delle malattie maggiormente disabilitante nell’anziano. La demenza di Alzheimer è caratterizzata da un declino cognitivo progressivo, che si sviluppa lentamente ma inesorabilmente lungo tutto il corso della malattia, fino alla perdita totale dell’autonomia funzionale e all’impossibilità di mantenere rapporti congrui con l’ambiente circostante.

Verrà affrontato il rapporto tra l'MCI (Mild Cognitive Impairment) e demenza e l'impatto clinico e sociale. L'MCI definisce il declino delle funzioni mentali tale per cui non risultano soddisfatti i criteri per la diagnosi di demenza e non vengono intaccate le capacità di svolgere le attività quotidiane. La metà di questi soggetti, tuttavia, sviluppa una demenza conclamata nel corso degli anni successivi.

Nel corso del convegno verranno affrontati e sviluppati le nuove ricerche in campo farmacologico e la correlazione tra alcuni fattori di rischio e la patologia dementigena.
Altro argomento che verrà affrontato sarà il rapporto ed i legami tra malattia di Alzheimer e altre patologie croniche, di comune riscontro nella popolazione anziana, come il diabete, la depressione ecc.
Infine, verrà dato spazio agli operatori che assistono quotidianamente la malattia di Alzheimer nei vari setting, dal DEA, al reparto,per acuti, dal territorio alla residenzialità.

Il nostro direttore, il prof. Alessandro Vercelli - che qui al NICO guida il gruppo di ricerca di Sviluppo e patologia del cervello - interverrà in apertura della prima sessione con una relazione sulla neurobiologia della fragilità

>> scarica il programma in pdf

Responsabile scientifico: Dott. Fausto Fantò
Direttore f.f. S.C.D.O. Geriatria
Responsabile C.D.C.D. Centro dei Disturbi Cognitivi e Demenze
AOU San Luigi Gonzaga - Orbassano (To)

Agenda

14 novembre 2019

BraYn 2019 - dal 14 al 16 novembre a Milano

Fino al 31 luglio è possibile sottomettere gli abstract per la seconda conferenza annuale dei giovani neuroscienziati, in programma a Milano dal 14 al 16 novembre 2019.

Sportello LESIONI SPINALI

Paziente tetraplegico operato al CTO di Torino torna a usare le mani

Una notizia che abbiamo letto tutti di recente sui giornali. Noi del NICO abbiamo la fortuna di collaborare da anni con il dott. Bruno Battiston e il prof. Diego Garbossa - i chirurghi che hanno svolto l'operazione - e ci siamo fatti spiegare bene in cosa consiste l’intervento, quale era la situazione del paziente e quali saranno i possibili risultati. 
Tutto questo al di là delle semplificazioni e dei titoli roboanti dei giornali, comprensibilmente utilizzati per attirare l’attenzione dei lettori.

11 giugno 2019