Invecchiamento attivo e in salute

Condividi su

goldenage

INVECCHIARE IN MODO ATTIVO E IN SALUTE
My-AHA - My Active and Healthy Ageing
Una piattaforma ICT per prevenire la fragilità

Europa, Asia e Australia uniscono le forze per prevenire e combattere gli effetti della fragilità nelle persone anziane. Il progetto riunisce per 4 anni 16 gruppi di ricerca e aziende ICT dell'Unione europea e di paesi extra-UE (Australia, Giappone e Corea del Sud) coordinati dal NIT, il Centro Interdipartimentale di Neuroscienze dell’Università di Torino.
Prof. Alessandro Vercelli, capoprogetto
my_aha logo

IL PROBLEMA
L’invecchiamento si traduce in fragilità fisica, cognitiva, psicologica e sociale. La diagnosi precoce permette di ridurne gli effetti negativi, con notevoli risparmi sui costi sanitari:  l’UE stima che i servizi di teleassistenza possano ridurre di 12,5 milioni i giorni di ricovero ospedaliero e di oltre 40 Mln quelli di lungo-degenza.
 
IL PROGETTO DI RICERCA
Stiamo sperimentando una piattaforma basata sulle tecnologie dell’informazione e comunicazione (ICT) in grado di rilevare, precocemente e con precisione, il rischio di fragilità tramite sensori e mediante la raccolta di dati disponibili nell'ambiente quotidiano (misure vitali, andatura e postura, qualità del sonno, umore).

Quando viene rilevato il rischio di fragilità, la piattaforma my-AHA propone interventi mirati - di efficacia scientificamente provata, basati sulle ICT - per promuovere l'invecchiamento attivo e in salute. L'approccio integrato motiva gli utenti a partecipare all'esercizio fisico e cognitivo mediante l'esecuzione di giochi, e ad aumentare le interazioni sociali per ottenere cambiamenti del comportamento a lungo termine.
 
LA SOLUZIONE
L’obiettivo principale è ridurre il rischio di fragilità, migliorando l'attività fisica e la funzione cognitiva, lo stato psicologico, le risorse sociali, la nutrizione, il sonno e il benessere generale. Il progetto consente di gestire al meglio la propria salute, con conseguente riduzione dei costi di assistenza sanitaria.
 
  PARTECIPA ANCHE TU!
Se hai più di 55 anni e vuoi partecipare alla sperimentazione scrivi a: myaha.project@gmail.com

www.activeageing.unito.it

Leggi anche la presentazione del progetto

Puoi sostenere questo progetto con:

Bonifico bancario intestato a Fondazione Cavalieri Ottolenghi
indicando nell'oggetto: Gruppo Prof. Vercelli
IBAN: IT62X0200801140000060029682

oppure dona in modo sicuro con 

ppcom

Agenda

26 luglio 2019

NICO Progress Report - INN Open Neuroscience Forum 2019

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

14 novembre 2019

BraYn 2019 - dal 14 al 16 novembre a Milano

Fino al 31 luglio è possibile sottomettere gli abstract per la seconda conferenza annuale dei giovani neuroscienziati, in programma a Milano dal 14 al 16 novembre 2019.

Sportello LESIONI SPINALI

Paziente tetraplegico operato al CTO di Torino torna a usare le mani

Una notizia che abbiamo letto tutti di recente sui giornali. Noi del NICO abbiamo la fortuna di collaborare da anni con il dott. Bruno Battiston e il prof. Diego Garbossa - i chirurghi che hanno svolto l'operazione - e ci siamo fatti spiegare bene in cosa consiste l’intervento, quale era la situazione del paziente e quali saranno i possibili risultati. 
Tutto questo al di là delle semplificazioni e dei titoli roboanti dei giornali, comprensibilmente utilizzati per attirare l’attenzione dei lettori.

11 giugno 2019