PorteAperte@NICO

Condividi su
25/10/2014
PorteAperte@NICO

Le neuroscienze sono un argomento complesso, ma i nostri ricercatori accettano la sfida. 
Spiegarvi in modo chiaro che cosa studiamo nei nostri laboratori. Come comunicano i neuroni, se e quando possono rigenerarsi e che cosa succede se non riescono a farlo.

Visita dei laboratori - durata del percorso: 2 ore circa
Orario 10:00 - 13:00 e 15:00 - 18:00
Si suggerisce di prenotare per agevolare l'organizzazione delle visite

Ecco i temi del percorso di visita: 

LA DIFESA CONTRO IL DANNO NEURONALE Cell Replacement e altre strategie di riparazione [scopri di più]

CHE BELLA ESPERIENZA! Come gli stimoli esterni plasmano il nostro cervello [scopri di più]

SCLEROSI MULTIPLA Diagnosi e ricerca [scopri di più]

SEX AND THE BRAIN Come gli ormoni steroidei influenzano i circuiti nervosi

CELLULE STAMINALI Il sogno di rifarsi un cervello [scopri di più]

NERVI A PEZZI Lesioni e danni al sistema nervoso centrale [scopri di più]

NERVI A PEZZI Lesioni e danni al sistema nervoso periferico [scopri di più]

Dove siamo
NICO - Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi
Azienda Ospedaliero-Universitaria San Luigi Gonzaga
Regione Gonzole, 10 - Orbassano (Torino)
scarica la cartina per trovarci più facilmente all'interno complesso del San Luigi

Per informazioni e adesioni
Barbara Magnani, referente comunicazione NICO
cell. 339 3096245 - barbara.magnani@unito.it

cartolina invito in pdf

porteaperte_taglio_sito

Agenda

17 aprile 2019

From split-brains to emotional consciousness - A tribute to Joseph LeDoux

Wednesday 17th April 2019 – h 9.30
Accademia delle Scienze di Torino, Sala dei Mappamondi
Via Accademia delle Scienze 6, Torino

26 aprile 2019

NICO Progress Report - INN Open Neuroscience Forum 2019

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

Ricerca

Atassia: scoperto il difetto cellulare responsabile di una rara malattia neurologica

Un malfunzionamento dei mitocondri, le centrali energetiche delle cellule, causa lo sviluppo della SCA28, una forma ereditaria di atassia. Dopo 10 anni di studi e grazie al sostegno di Fondazione Telethon, la scoperta del team di ricerca guidato dai proff. Alfredo Brusco e Filippo Tempia dell’Università di Torino e NICO. Lo studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Neurobiology of Disease.

4 dicembre 2018