Paziente tetraplegico operato al CTO di Torino torna a usare le mani

Condividi su
11/06/2019
Paziente tetraplegico operato al CTO di Torino torna a usare le mani

Paziente tetraplegico operato al CTO di Torino torna a usare le mani

Cari amici,

Avrete letto tutti di recente sui giornali la notizia di un “paziente tetraplegico operato al CTO che torna a usare le mani…”
Abbiamo la fortuna di collaborare da anni con i chirurghi che lo hanno operato - il dott. Bruno Battiston e il prof. Diego Garbossa - e ci siamo fatti spiegare bene in cosa consiste l’intervento, quale era la situazione del paziente e quali saranno i possibili risultati.
Tutto questo al di là delle semplificazioni e dei titoli roboanti dei giornali, comprensibilmente utilizzati per attirare l’attenzione dei lettori.

Solo a titolo informativo, riportiamo alcuni degli articoli:

7 giugno 2019 - Corriere della Sera Torino
Torino, tetraplegico torna a usare le mani: gli riannodano i nervi sani con quelli malati

8 giugno 2019 - La Stampa
Nervi sani riannodati a quelli malati, tetraplegico torna a usare le mani

L'intervento al CTO di Torino, alcuni chiarimenti

Il paziente era tetraplegico, aveva cioè una lesione a livello del midollo cervicale alto. In realtà, l’arto superiore è innervato dal plesso brachiale, una rete di fibre nervose che originano a vari livelli del midollo cervicale. Questo paziente aveva una lesione che interessava solo parte di questi livelli, cioè aveva una mobilità residua di parte degli arti superiori, soprattutto la spalla e la parte alta del braccio, la cui innervazione originava sopra la lesione.
Il resto invece era paralizzato in quanto le fibre che lo innervavano originavano sotto la lesione.

L’idea alla base dell’intervento è prendere parte delle fibre (dei nervi) che innervano la parte alta e immetterle nei nervi che invece non sono più attivi in quanto originano sotto la lesione. Questi ultimi faranno da guida alle fibre dei nervi ancora attivi per ricrescere e reinnervare i muscoli della mano. Il risultato, visibile solo dopo mesi di ricrescita, dovrebbe essere la possibilità per il paziente di usare la mano per la prensione di oggetti. Quindi la restituzione di una funzione molto importante per la vita di tutti i giorni, anche se non riguarda tutti i suoi movimenti.

Diamo tempo dunque alle fibre nervose di ricrescere e riprendere a fare il loro lavoro. Nel mentre apprezziamo questa nuova tecnica, almeno per l’Italia, consci che l’intervento potrà aiutare a migliorare le condizioni di una parte dei pazienti con lesioni midollari, a patto che venga effettuato in tempi relativamente brevi dopo la lesione, e che esistano le condizioni anatomiche (parte del plesso brachiale ancora efficiente).

Agenda

21 giugno 2019

NICO Progress Report - INN Open Neuroscience Forum 2019

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

14 novembre 2019

BraYn 2019 - dal 14 al 16 novembre a Milano

Fino al 31 luglio è possibile sottomettere gli abstract per la seconda conferenza annuale dei giovani neuroscienziati, in programma a Milano dal 14 al 16 novembre 2019.

Ricerca

SCOPERTE NELL’IPOTALAMO LE TRACCE DELLA MEMORIA

Lo studio pubblicato su Neuron scalfisce il dogma che colloca principalmente nell’ippocampo la formazione dei ricordi. 
È possibile attivare o bloccare l’espressione della paura controllando selettivamente i neuroni ipotalamici che producono ossitocina. La scoperta di un team di ricerca europeo, rappresentato in Italia da noi del NICO – Università di Torino. Comprendere i circuiti nervosi che sottendono la memoria della paura può aiutare nel trattamento di disordini psichiatrici come l’ansia, in cui la paura si trasforma da risorsa per la sopravvivenza a fenomeno patologico.

10 giugno 2019