Demenze senili e malattie neurodegenerative. Le nuove frontiere della ricerca

Condividi su
03/10/2018
Neuroni immaturi

mercoledì 3 ottobre - ore 19:00
Demenze senili e malattie neurodegenerative.
Le nuove frontiere della ricerca

Prof. Luca Bonfanti, Università di Torino e NICO

Collegio Universitario di Torino "Renato Einaudi"
Via Galliari 30, Torino

Ingresso libero.
www.collegioeiunaudi.it

Il cervello non è in grado di rinnovare le sue cellule. Se i neuroni vengono persi o danneggiati - da malattie neurodegenerative come l’Alzheimer, traumi, ischemie, danni legati all’avanzare dell’età - si assiste inevitabilmente all’insorgenza di deficit cognitivi/motori/sensitivi o di demenze senili. L’allungamento dell’aspettativa di vita ha aumentato la probabilità di incorrere in queste patologie che, purtroppo, rimangono sostanzialmente incurabili.

Molte speranze per la cura sono state riposte nelle cellule staminali che possono generare nuovi neuroni nel cervello adulto. Tuttavia, dopo circa 25 anni, è emerso che tale fenomeno - pur molto efficiente nei topi - risulta fortemente ridotto nell’uomo.

Qui si inseriscono le ricerche di Luca Bonfanti e del suo gruppo di Neurogenesi adulta, con il nuovo filone dei "neuroni immaturi": cellule generate prima della nascita, ma che esprimono le molecole “giovani” tipiche dei neuroni neoformati, rimanendo in un prolungato stato di immaturità per il resto della vita.

I neuroni immaturi sono considerati una riserva di cellule giovani che rimangono “congelate” a un certo stadio della maturazione, in attesa di essere utilizzate in un cervello che non è più in grado di generarne di nuovi.

einaudi cover ok

Agenda

31 maggio 2019

NICO Progress Report - INN Open Neuroscience Forum 2019

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

Ricerca

Interferenti endocrini. Il Parlamento europeo impegna la Commissione a emanare norme più restrittive

Buone notizie da Bruxelles. Il Parlamento europeo ha approvato a larga maggioranza una risoluzione che impegna la Commissione (vecchia e nuova) a emanare entro giugno 2020 una normativa più restrittiva che disciplini cosmetici, giocattoli e imballaggi alimentari e che - finalmente - applichi agli EDCs le stesse cautele usate per i composti classificati come sospetti cangerogeni. Una tesi a lungo sostenuta dalla Endrocrine Society e fortemente osteggiata dai rappresentanti della industria chimica.

30 aprile 2019