È nato il Comitato per il Public Engagement @Unito

Condividi su
23/10/2018
UNITO

C'è anche il nostro Luca Bonfanti tra i sei componenti del Comitato per il Public Engagement “Agorà Scienza” istituito dall'Università di Torino.

Il Comitato avrà il compito di supportare scientificamente, culturalmente e professionalmente l’indirizzo, la progettazione, il monitoraggio delle attività di valorizzazione della ricerca e di public engagement dell’Università di Torino, avvalendosi delle professionalità e delle competenze del team di Agorà Scienza.

Il Comitato è composto da sei esperti scientifici appartenenti alle Macro-aree di raggruppamento dei Settori Scientifico Disciplinari (scienze e tecnologie formali e sperimentali, scienze della vita e scienze umane, politiche e sociali). I componenti del Comitato sono stati nominati dal Rettore sulla base delle candidature presentate, sentito il Senato Accademico, e saranno in carica per tre anni.

I componenti del Comitato:

Luca Bonfanti - Dipartimento di Scienze veterinarie e Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi
Anna Capietto- Dipartimento di Matematica
Marco Giardino - Dipartimento di Scienze della Terra
Cristiana Peano - Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestale e dell’Alimentazione
Giovanni Semi - Dipartimento di Culture, Politica e Società
Giorgio Sobrino - Dipartimento di Giurisprudenza

Agenda

26 luglio 2019

NICO Progress Report - INN Open Neuroscience Forum 2019

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

14 novembre 2019

BraYn 2019 - dal 14 al 16 novembre a Milano

Fino al 31 luglio è possibile sottomettere gli abstract per la seconda conferenza annuale dei giovani neuroscienziati, in programma a Milano dal 14 al 16 novembre 2019.

Sportello LESIONI SPINALI

Paziente tetraplegico operato al CTO di Torino torna a usare le mani

Una notizia che abbiamo letto tutti di recente sui giornali. Noi del NICO abbiamo la fortuna di collaborare da anni con il dott. Bruno Battiston e il prof. Diego Garbossa - i chirurghi che hanno svolto l'operazione - e ci siamo fatti spiegare bene in cosa consiste l’intervento, quale era la situazione del paziente e quali saranno i possibili risultati. 
Tutto questo al di là delle semplificazioni e dei titoli roboanti dei giornali, comprensibilmente utilizzati per attirare l’attenzione dei lettori.

11 giugno 2019