È nato il Comitato per il Public Engagement @Unito

Condividi su
23/10/2018
UNITO

C'è anche il nostro Luca Bonfanti tra i sei componenti del Comitato per il Public Engagement “Agorà Scienza” istituito dall'Università di Torino.

Il Comitato avrà il compito di supportare scientificamente, culturalmente e professionalmente l’indirizzo, la progettazione, il monitoraggio delle attività di valorizzazione della ricerca e di public engagement dell’Università di Torino, avvalendosi delle professionalità e delle competenze del team di Agorà Scienza.

Il Comitato è composto da sei esperti scientifici appartenenti alle Macro-aree di raggruppamento dei Settori Scientifico Disciplinari (scienze e tecnologie formali e sperimentali, scienze della vita e scienze umane, politiche e sociali). I componenti del Comitato sono stati nominati dal Rettore sulla base delle candidature presentate, sentito il Senato Accademico, e saranno in carica per tre anni.

I componenti del Comitato:

Luca Bonfanti - Dipartimento di Scienze veterinarie e Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi
Anna Capietto- Dipartimento di Matematica
Marco Giardino - Dipartimento di Scienze della Terra
Cristiana Peano - Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestale e dell’Alimentazione
Giovanni Semi - Dipartimento di Culture, Politica e Società
Giorgio Sobrino - Dipartimento di Giurisprudenza

Agenda

16 febbraio 2019

Torino - 10th International Meeting STEROIDS and NERVOUS SYSTEM

Since 2001, this meeting represented an important event for basic and clinical researchers working on this emerging scientific topic. We will address state-of-the-art approaches in the field of steroids and nervous system, including behavior, epigenetics, genomic and non-genomic actions, the vitamin D, neurodegenerative and psychiatric disorders, and the interference among endocrine disruptors and steroid signaling.

Ricerca

Atassia: scoperto il difetto cellulare responsabile di una rara malattia neurologica

Un malfunzionamento dei mitocondri, le centrali energetiche delle cellule, causa lo sviluppo della SCA28, una forma ereditaria di atassia. Dopo 10 anni di studi e grazie al sostegno di Fondazione Telethon, la scoperta del team di ricerca guidato dai proff. Alfredo Brusco e Filippo Tempia dell’Università di Torino e NICO. Lo studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Neurobiology of Disease.

4 dicembre 2018