La visita dell'Assessore Antonio Saitta

Condividi su
31/10/2014
saitta

A fine ottobre è venuto a conoscerci e a visitare i nostri laboratori l'Assessore Antonio Saitta.

Ad accoglierlo il vice Presidente Paolo Bertolino, il nostro direttore Alessandro Vercelli (nelle foto qui in alto, a partire da sinistra: Vercelli, Bertolino, Saitta) e i responsabili dei gruppi di ricerca: Annalisa Buffo, Carola Eva, GianCarlo Panzica, Luca Bonfanti, Antonio Bertolotto, Stefano Geuna e Filippo Tempia.

Condividiamo volentieri il commento rilasciato dell'Assessore Saitta dopo la visita:

"Questa mattina ho avuto modo di visitare la sede del NICO – Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi dell'Università di Torino. Una realtà di eccellenza, dove un gruppo di docenti universitari e una cinquantina di ricercatori studiano il cervello e le malattie neurodegenerative e neurologiche (Alzheimer, Sclerosi Multipla, SLA). Dai loro laboratori sono uscite alcune ricerche di rilievo internazionale preziose per disegnare nuove terapie.

Un grazie al direttore Alessandro Vercelli, al vice presidente Paolo Bertolino, al dottor Antonio Bertolotto che dirige il Centro Regionale Sclerosi Multipla e alla dottoressa Annalisa Buffo e a tutti i ricercatori del NICO per il grande e prezioso lavoro che stanno svolgendo. Non dobbiamo permettere che realtà come queste paghino il prezzo della crisi: investire in ricerca è fondamentale se vogliamo combattere le malattie che colpiscono una parte significativa della popolazione e che mettono a dura prova il nostro sistema sanitario".

Agenda

31 maggio 2019

NICO Progress Report - INN Open Neuroscience Forum 2019

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

Ricerca

Interferenti endocrini. Il Parlamento europeo impegna la Commissione a emanare norme più restrittive

Buone notizie da Bruxelles. Il Parlamento europeo ha approvato a larga maggioranza una risoluzione che impegna la Commissione (vecchia e nuova) a emanare entro giugno 2020 una normativa più restrittiva che disciplini cosmetici, giocattoli e imballaggi alimentari e che - finalmente - applichi agli EDCs le stesse cautele usate per i composti classificati come sospetti cangerogeni. Una tesi a lungo sostenuta dalla Endrocrine Society e fortemente osteggiata dai rappresentanti della industria chimica.

30 aprile 2019