The multifaceted interactions between sex and brain. A meeting in honor of Luciano Martini

Condividi su
28/11/2018
Accademia dei Lincei

28 novembre 2018
Accademia Nazionale dei Lincei
Roma - Palazzo Corsini, via della Lungara 10

CONVEGNO
The multifaceted interactions between sex and brain
A meeting in honor of Luciano Martini

Comitato ordinatore: F. Clementi, L. Maffei, J. Meldolesi, C. Patrono

Il prof. Giancarlo PANZICA (Università di Torino), che qui al NICO guida il gruppo di ricerca di Neuroendocrinologia, sarà presente al convegno con l'intervento dal titolo "La modulazione dell'ambiente sui circuiti neurali e comportamento" (Environmental modulation of neural circuits and behavior)

Programma

La partecipazione al convegno è libera, fino a esaurimento dei posti disponibili.
Si prega di segnalare la presenza alla Segreteria del convegno: piemontese@lincei.it
www.lincei.it

leggi anche:

HuffingtonPost.it - 19/12/2018
Le molteplici interazioni tra sesso e cervello negli studi di Luciano Martini

A cura di Francesco Clementi, Professore Emerito di Farmacologia, Presidente del Consiglio Scientifico della Fondazione "I Lincei per la scuola"

 
 

Agenda

21 giugno 2019

NICO Progress Report - INN Open Neuroscience Forum 2019

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

14 novembre 2019

BraYn 2019 - dal 14 al 16 novembre a Milano

Fino al 31 luglio è possibile sottomettere gli abstract per la seconda conferenza annuale dei giovani neuroscienziati, in programma a Milano dal 14 al 16 novembre 2019.

Ricerca

SCOPERTE NELL’IPOTALAMO LE TRACCE DELLA MEMORIA

Lo studio pubblicato su Neuron scalfisce il dogma che colloca principalmente nell’ippocampo la formazione dei ricordi. 
È possibile attivare o bloccare l’espressione della paura controllando selettivamente i neuroni ipotalamici che producono ossitocina. La scoperta di un team di ricerca europeo, rappresentato in Italia da noi del NICO – Università di Torino. Comprendere i circuiti nervosi che sottendono la memoria della paura può aiutare nel trattamento di disordini psichiatrici come l’ansia, in cui la paura si trasforma da risorsa per la sopravvivenza a fenomeno patologico.

10 giugno 2019