Quanto vale il tuo 5xmille?

Condividi su

Il tuo 5xmille è una percentuale dell'IRPEF, calcolata sulla base del reddito lordo. Nella dichiarazione dei redditi vanno poi conteggiate eventuali deduzioni, detrazioni, ecc.

A titolo esemplificativo, puoi considerare che un reddito lordo annuo di 30.000 euro darà un importo del 5xmille di circa 35 - 40 euro (la media nazionale è di 25-30 euro).
Con un reddito di 40.000 euro il 5xmille sarà di circa 55-60 euro, e così via.

Ti sembra poco?

Per noi non lo è. Con il tuo 5xmille puoi pagare 1 ora di lavoro di un giovane ricercatore.
Una goccia che insieme alle altre può diventare uno stipendio mensile o una borsa di ricerca.

ritaglio 5xmille 2015 - sito

La ricerca di base sulle malattie neurodegenerative procede lentamente, e spesso dà i suoi frutti dopo anni di lavoro. Per questo ha bisogno di investimenti e fiducia.

Adotta uno dei nostri ricercatori, sostieni il loro lavoro con il tuo 5xmille.
Noi ci mettiamo impegno e passione, tu mettici la firma!

Firma nel riquadro "Finanziamento della ricerca scientifica e dell'Università"
Indica il CF della Fondazione Cavalieri Ottolenghi: 97564560015

vai a gruppi di ricerca
Scopri chi sono e su che cosa lavorano i nostri 9 gruppi di ricerca oppure scorri le ultime news: troverai una selezione delle nostre oltre 50 pubblicazioni scientifiche all'anno.

Agenda

06 novembre 2018

ZEISS Academy Workshop – Microscopia Correlativa 3D

Le ultime novità nella Microscopia Correlativa Multi-modale. Registrazione obbligatoria.

16 febbraio 2019

Torino - 10th International Meeting STEROIDS and NERVOUS SYSTEM

Since 2001, this meeting represented an important event for basic and clinical researchers working on this emerging scientific topic. We will address state-of-the-art approaches in the field of steroids and nervous system, including behavior, epigenetics, genomic and non-genomic actions, the vitamin D, neurodegenerative and psychiatric disorders, and the interference among endocrine disruptors and steroid signaling.

Ricerca

Identificato un nuovo bersaglio per contrastare la SMA

L’inibizione della proteina JNK rallenta la progressione della malattia che colpisce i motoneuroni ed è la prima causa genetica di morte nell’infanzia. Lo dimostra uno studio pubblicato su Frontiers in Molecular Neuroscience dal nostro gruppo di ricerca guidato da Alessandro Vercelli, in collaborazione con l’Istituto Mario Negri di Milano. Chiarire i meccanismi molecolari alla base della SMA può aprire la strada allo sviluppo di nuove terapie.

24 ottobre 2018