Quanto vale il tuo 5xmille?

Condividi su

Il tuo 5xmille è una percentuale dell'IRPEF, calcolata sulla base del reddito lordo. Nella dichiarazione dei redditi vanno poi conteggiate eventuali deduzioni, detrazioni, ecc.

A titolo esemplificativo, puoi considerare che un reddito lordo annuo di 30.000 euro darà un importo del 5xmille di circa 35 - 40 euro (la media nazionale è di 25-30 euro).
Con un reddito di 40.000 euro il 5xmille sarà di circa 55-60 euro, e così via.

Ti sembra poco?

Per noi non lo è. Con il tuo 5xmille puoi pagare 1 ora di lavoro di un giovane ricercatore.
Una goccia che insieme alle altre può diventare uno stipendio mensile o una borsa di ricerca.

ritaglio 5xmille 2015 - sito

La ricerca di base sulle malattie neurodegenerative procede lentamente, e spesso dà i suoi frutti dopo anni di lavoro. Per questo ha bisogno di investimenti e fiducia.

Adotta uno dei nostri ricercatori, sostieni il loro lavoro con il tuo 5xmille.
Noi ci mettiamo impegno e passione, tu mettici la firma!

Firma nel riquadro "Finanziamento della ricerca scientifica e dell'Università"
Indica il CF della Fondazione Cavalieri Ottolenghi: 97564560015

vai a gruppi di ricerca
Scopri chi sono e su che cosa lavorano i nostri 9 gruppi di ricerca oppure scorri le ultime news: troverai una selezione delle nostre oltre 50 pubblicazioni scientifiche all'anno.

Agenda

26 luglio 2019

NICO Progress Report - INN Open Neuroscience Forum 2019

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

14 novembre 2019

BraYn 2019 - dal 14 al 16 novembre a Milano

Fino al 31 luglio è possibile sottomettere gli abstract per la seconda conferenza annuale dei giovani neuroscienziati, in programma a Milano dal 14 al 16 novembre 2019.

Sportello LESIONI SPINALI

Paziente tetraplegico operato al CTO di Torino torna a usare le mani

Una notizia che abbiamo letto tutti di recente sui giornali. Noi del NICO abbiamo la fortuna di collaborare da anni con il dott. Bruno Battiston e il prof. Diego Garbossa - i chirurghi che hanno svolto l'operazione - e ci siamo fatti spiegare bene in cosa consiste l’intervento, quale era la situazione del paziente e quali saranno i possibili risultati. 
Tutto questo al di là delle semplificazioni e dei titoli roboanti dei giornali, comprensibilmente utilizzati per attirare l’attenzione dei lettori.

11 giugno 2019