Estrogeni: uno studio sui meccanismi che regolano ansietà e metabolismo

Condividi su
02/02/2017
Neuroendocrinology

Neuroendocrinology, n. 1/2017

L'azione degli estrogeni sulla modulazione dei circuiti ipotalamici che controllano ansietà e metabolismo è mediata dal recettore di membrana GPER-1

Grassi D.a-f, Lagunas N.a, b, Pinos H.a, Panzica G.C.d, e, Garcia-Segura L.M.b, Collado P.a 

L’ossido di azoto (NO) è un neurotrasmettitore gassoso che svolge un gran numero di funzioni all’interno del sistema nervoso centrale e periferico. In precedenti lavori i nostri tre gruppi di ricerca (UNED, Cajal e Neuroendocrinologia del NICO) hanno dimostrato che l’attività dell’enzima che produce NO (neural nitric oxide synthase, nNOS) è modulata dagli estrogeni (Grassi et al., 2013) tramite i recettori intracitoplasmatici ERalfa e ERbeta.
Dal momento che i neuroni del nucleo sopraottico (SON) e paraventricolare (PVN) esprimono anche il recettore di membrana per gli estrogeni (GPER-1), in questo studio sperimentale abbiamo voluto testare se anch’esso sia implicato nel controllo della produzione di NO.

I nostri risultati dimostrano che bloccando farmacologicamente GPER1 con l’agonista G1 si ha l’inibizione sia dell’attività enzimatica della nNOS, sia dei mediatori intracellulari della sua azione come la fosforilazione di ERK 1/2, effetto che viene invece eliminato dal trattamento simultaneo di G1 e dell’antagonista G15.

Nel ratto, GPER-1 e ERbeta sono espressi sia nel SON che nel PVN, mentre ERalfa non è espresso, tuttavia neuroni che esprimono ERalfa proiettano sia al PVN, sia al SON. In conclusione, la risposta finale del sistema di neuroni produttori di NO agli estrogeni dipende probabilmente dal bilanciamento tra l’azione locale del GPER-1 e del ERbeta, mediata dalla fosforilazione-defosforilazione di ERK 1/2, e un'azione indiretta tramite afferenze da neuroni regolati da ERalfa.

a Department of Psychobiology, Universidad Nacional de Educacion a Distancia (UNED)
b I nstituto Cajal, CSIC, Madrid
c Department of Basic Biomedical Science, Universidad Europea de Madrid, Villaviciosa de Odon, Spain; 
d Department of Neuroscience, University of Turin, Turin
e Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi (NICO), Orbassano, Italy
f Institute of Anatomy and Cell Biology, Department of Molecular Embryology, Albert-Ludwigs-Universität Freiburg, Freiburg, Germany

Agenda

16 febbraio 2019

Torino - 10th International Meeting STEROIDS and NERVOUS SYSTEM

Since 2001, this meeting represented an important event for basic and clinical researchers working on this emerging scientific topic. We will address state-of-the-art approaches in the field of steroids and nervous system, including behavior, epigenetics, genomic and non-genomic actions, the vitamin D, neurodegenerative and psychiatric disorders, and the interference among endocrine disruptors and steroid signaling.

Ricerca

Identificato un nuovo bersaglio per contrastare la SMA

L’inibizione della proteina JNK rallenta la progressione della malattia che colpisce i motoneuroni ed è la prima causa genetica di morte nell’infanzia. Lo dimostra uno studio pubblicato su Frontiers in Molecular Neuroscience dal nostro gruppo di ricerca guidato da Alessandro Vercelli, in collaborazione con l’Istituto Mario Negri di Milano. Chiarire i meccanismi molecolari alla base della SMA può aprire la strada allo sviluppo di nuove terapie.

24 ottobre 2018