Frontiers in Neuroscience, P. Peretto e L. Bonfanti

Condividi su
11/06/2014
Frontiers in Neuroscience, P. Peretto e L. Bonfanti

Frontiers in Neuroscience, giugno 2014

Major unsolved points in adult neurogenesis: doors open on a translational future?

Paolo Peretto1,2 and Luca Bonfanti1,3

Una review inserita nel numero speciale dedicato ad una riflessione sulla situazione attuale del campo di ricerca sulla NEUROGENESI ADULTA e sulle sue potenziali applicazioni nella RIPARAZIONE DEL SISTEMA NERVOSO.

La domanda è: a che punto siamo dopo vent'anni di ricerche sulla genesi di nuovi neuroni nel cervello dei mammiferi? Certo non siamo ancora in grado di riparare il nostro cervello, ma abbiamo aperto molte strade che da un lato hanno cambiato la visione della plasticità cerebrale e della struttura stessa del sistema nervoso, e dall'altro aprono a loro volta numerose possibilità per la riparazione in seguito a lesioni o malattie neurodegenerative.

Queste 'porte aperte sulle prospettive traslazionali della neurogenesi adulta' sono discusse nel nostro articolo. Anche se la conclusione è chiara: abbiamo ancora bisogno di RICERCA FONDAMENTALE.

[ leggi l'articolo, disponibile solo in inglese]

1 Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi, Orbassano, Italy
2 Department of Life Sciences and System Biology, University of Turin, Torino, Italy
3 Department of Veterinary Sciences, University of Turin, Torino, Italy

frontiers_no_scritta

Agenda

14 novembre 2019

BraYn 2019 - dal 14 al 16 novembre a Milano

Fino al 31 luglio è possibile sottomettere gli abstract per la seconda conferenza annuale dei giovani neuroscienziati, in programma a Milano dal 14 al 16 novembre 2019.

Sportello LESIONI SPINALI

Paziente tetraplegico operato al CTO di Torino torna a usare le mani

Una notizia che abbiamo letto tutti di recente sui giornali. Noi del NICO abbiamo la fortuna di collaborare da anni con il dott. Bruno Battiston e il prof. Diego Garbossa - i chirurghi che hanno svolto l'operazione - e ci siamo fatti spiegare bene in cosa consiste l’intervento, quale era la situazione del paziente e quali saranno i possibili risultati. 
Tutto questo al di là delle semplificazioni e dei titoli roboanti dei giornali, comprensibilmente utilizzati per attirare l’attenzione dei lettori.

11 giugno 2019