Frontiers in Neuroscience, P. Peretto e L. Bonfanti

Condividi su
11/06/2014
Frontiers in Neuroscience, P. Peretto e L. Bonfanti

Frontiers in Neuroscience, giugno 2014

Major unsolved points in adult neurogenesis: doors open on a translational future?

Paolo Peretto1,2 and Luca Bonfanti1,3

Una review inserita nel numero speciale dedicato ad una riflessione sulla situazione attuale del campo di ricerca sulla NEUROGENESI ADULTA e sulle sue potenziali applicazioni nella RIPARAZIONE DEL SISTEMA NERVOSO.

La domanda è: a che punto siamo dopo vent'anni di ricerche sulla genesi di nuovi neuroni nel cervello dei mammiferi? Certo non siamo ancora in grado di riparare il nostro cervello, ma abbiamo aperto molte strade che da un lato hanno cambiato la visione della plasticità cerebrale e della struttura stessa del sistema nervoso, e dall'altro aprono a loro volta numerose possibilità per la riparazione in seguito a lesioni o malattie neurodegenerative.

Queste 'porte aperte sulle prospettive traslazionali della neurogenesi adulta' sono discusse nel nostro articolo. Anche se la conclusione è chiara: abbiamo ancora bisogno di RICERCA FONDAMENTALE.

[ leggi l'articolo, disponibile solo in inglese]

1 Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi, Orbassano, Italy
2 Department of Life Sciences and System Biology, University of Turin, Torino, Italy
3 Department of Veterinary Sciences, University of Turin, Torino, Italy

frontiers_no_scritta

Agenda

31 maggio 2019

NICO Progress Report - INN Open Neuroscience Forum 2019

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

Ricerca

Interferenti endocrini. Il Parlamento europeo impegna la Commissione a emanare norme più restrittive

Buone notizie da Bruxelles. Il Parlamento europeo ha approvato a larga maggioranza una risoluzione che impegna la Commissione (vecchia e nuova) a emanare entro giugno 2020 una normativa più restrittiva che disciplini cosmetici, giocattoli e imballaggi alimentari e che - finalmente - applichi agli EDCs le stesse cautele usate per i composti classificati come sospetti cangerogeni. Una tesi a lungo sostenuta dalla Endrocrine Society e fortemente osteggiata dai rappresentanti della industria chimica.

30 aprile 2019