Lesioni traumatiche: una review per chiarire la complessità delle funzioni dei miRNA

Condividi su
06/11/2017
Lesioni traumatiche: una review per chiarire la complessità delle funzioni dei miRNA

Progress in Neurobiology, novembre 2017

Lesioni traumatiche: una review per chiarire la complessità delle funzioni dei miRNA

Ghibaudi M1, Boido M1, Vercelli A1

Un lesione traumatica al sistema nervoso centrale o periferico può danneggiare gravemente i neuroni e gli assoni, determinando invalidanti disfunzioni motorie, sensitive e/o autonomiche. A seconda della gravità del danno, si possono verificare in maniera più o meno significativa morte neuronale, neuroinfiammazione e demielinizzazione, innescate da specifiche cascate molecolari: numerose molecole si attivano in risposta ad un evento lesivo, con articolati e interconnessi meccanismi d’azione.

Recentemente si è scoperto che piccole molecole di RNA non codificanti, i microRNA (miRNA), sono in grado controllare contemporaneamente processi biologici diversi e influenzarli a monte, agendo come una rete organizzata. Numerosi miRNA possono infatti cooperare tra loro per influenzare contemporaneamente le cascate molecolari che regolano fenomeni cruciali nelle lesioni del sistema nervoso, come la rigenerazione assonale, l'infiammazione, l'apoptosi e la mielinizzazione. Matilde Ghibaudi, Marina Boido e il nostro direttore Alessandro Vercelli - del gruppo di ricerca Sviluppo e patologia del cervello - hanno analizzato il ruolo dei miRNA in alcune delle vie molecolari più note, tra cui rhoA-PI3K-AKT, PTEN, MAP1B-Rac1 e GSK-3β.

Con questa review i nostri ricercatori hanno voluto descrivere e chiarire il meccanismo d’azione convergente dei miRNA, facendo luce sulla complessità della rete molecolare di cui fanno parte: comprendere meglio tali cascate molecolari permetterà di manipolare i miRNA a fini terapeutici, per esempio per stimolare la ricrescita assonale o per modulare la neuroinfiammazione.

FREE DOWNLOAD
fino a dicembre è possibile scaricare gratuitamente l'articolo a questo link

mirna_imm

Esempio di network molecolare coinvolto nella ricrescita assonale ed influenzato dall’attività di alcuni miRNA.

1 Department of Neuroscience “Rita Levi Montalcini”, Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi, University of Torino, Italian Institute of Neuroscience, Italy

Agenda

21 giugno 2019

NICO Progress Report - INN Open Neuroscience Forum 2019

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

14 novembre 2019

BraYn 2019 - dal 14 al 16 novembre a Milano

Fino al 31 luglio è possibile sottomettere gli abstract per la seconda conferenza annuale dei giovani neuroscienziati, in programma a Milano dal 14 al 16 novembre 2019.

Ricerca

SCOPERTE NELL’IPOTALAMO LE TRACCE DELLA MEMORIA

Lo studio pubblicato su Neuron scalfisce il dogma che colloca principalmente nell’ippocampo la formazione dei ricordi. 
È possibile attivare o bloccare l’espressione della paura controllando selettivamente i neuroni ipotalamici che producono ossitocina. La scoperta di un team di ricerca europeo, rappresentato in Italia da noi del NICO – Università di Torino. Comprendere i circuiti nervosi che sottendono la memoria della paura può aiutare nel trattamento di disordini psichiatrici come l’ansia, in cui la paura si trasforma da risorsa per la sopravvivenza a fenomeno patologico.

10 giugno 2019