Tributiltina: confermato l'effetto sul controllo centrale del metabolismo

Condividi su
03/09/2018
Tributiltina: confermato l'effetto sul controllo centrale del metabolismo

Cell Tissue Research, 4 agosto 2018
Tributiltina: confermato l’effetto sul controllo centrale del metabolismo

Farinetti A 1,2, Marraudino M 1,2, Ponti G 2,3, Panzica GC 1,2, Gotti S 4,5

La tributiltina (TBT) è un comune agente antimuffa usato nelle vernici per le barche ed è presente in molti articoli casalinghi. Sebbene il suo uso sia oggi limitato, i suoi componenti stanno ancora contaminando le acque e, nel tempo, la TBT è stata assorbita da animali acquatici e accumulata biologicamente lungo la catena alimentare. È stata inserita nella lista degli interferenti endocrini (EDCs) poiché potrebbe legare i recettori degli androgeni. Di recente la TBT è stata inoltre aggiunta nella lista dei distruttori metabolici (MDCs) per le sue capacità di interferire con il tessuto adiposo e il suo metabolismo.

Precedenti studi condotti nel nostro laboratorio di Neuroendocrinologia – guidato dal prof. Giancarlo Panzica - hanno dimostrato che la TBT agisce anche a livello del sistema neuroendocrino ipotalamico che regola l'assunzione del cibo e il metabolismo energetico. In particolare i nostri ricercatori hanno dimostrato che la TBT interferisce con il sistema NPY (che stimola la fame).

In questo secondo studio, tutto a firma NICO, abbiamo ampliato l'indagine al sistema POMC, ovvero il circuito cerebrale che induce la sensazione di sazietà. I risultati di laboratorio dimostrano che l'esposizione per un mese alla TBT modula il sistema POMC in modo differente tra maschi e femmine, con un effetto obesogenico (che favorisce cioè l'obesità). Le femmine di topo esposte alla TBT mostrano una riduzione del numero di cellule a POMC nel nucleo arcuato dell’ipotalamo e dell'innervazione nel nucleo paraventricolare (PVN) e nel nucleo dorsomediale, mentre nei maschi, la diminuzione è limitata al PVN.

Questi dati suggeriscono che la TBT può promuovere o aumentare la suscettibilità ai cambiamenti del metabolismo che possono portare a malattie metaboliche.

TBT_farinetti

(A) Le fotografie acquisite al microscopio che illustrano la distribuzione di cellule immunopositive POMC nel nucleo arcuato (ARC). MC = gruppo di maschi di controllo (n = 7), MTBT = gruppo di maschi trattati con la TBT (n = 7), FC = gruppo di femmine di controllo (n = 7), FTBT = gruppo di femmine trattate con la TBT (n = 7). * = terzo ventricolo. (B) il grafico rappresenta l'analisi quantitativa della densità delle cellule POMC nell'ARC. (C) l’istogramma rappresenta l'analisi quantitativa delle fibre POMC nel PVN. Differenze significative (p <0,05) sono indicate da lettere diverse (a o b).

1 Department of Neuroscience "Rita Levi Montalcini", University of Turin, Via Cherasco 15, 10126, Turin, Italy.
2 Laboratorio di Neuroendocrinologia, NICO-Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi, Regione Gonzole, 10, Orbassano, Turin, 10043, Italy.
3 Department of Veterinary Sciences, University of Turin, Grugliasco, Turin, Italy.
4 Department of Neuroscience "Rita Levi Montalcini", University of Turin, Via Cherasco 15, 10126, Turin, Italy.
5 Laboratorio di Neuroendocrinologia, NICO-Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi, Regione Gonzole, 10, Orbassano, Turin, 10043, Italy.

Agenda

21 giugno 2019

NICO Progress Report - INN Open Neuroscience Forum 2019

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

14 novembre 2019

BraYn 2019 - dal 14 al 16 novembre a Milano

Fino al 31 luglio è possibile sottomettere gli abstract per la seconda conferenza annuale dei giovani neuroscienziati, in programma a Milano dal 14 al 16 novembre 2019.

Ricerca

SCOPERTE NELL’IPOTALAMO LE TRACCE DELLA MEMORIA

Lo studio pubblicato su Neuron scalfisce il dogma che colloca principalmente nell’ippocampo la formazione dei ricordi. 
È possibile attivare o bloccare l’espressione della paura controllando selettivamente i neuroni ipotalamici che producono ossitocina. La scoperta di un team di ricerca europeo, rappresentato in Italia da noi del NICO – Università di Torino. Comprendere i circuiti nervosi che sottendono la memoria della paura può aiutare nel trattamento di disordini psichiatrici come l’ansia, in cui la paura si trasforma da risorsa per la sopravvivenza a fenomeno patologico.

10 giugno 2019