Tributiltina: dimostrato l'effetto sui circuiti nervosi

Condividi su
20/06/2016
obesità

La tributiltina (TBT) è uno dei più diffusi distruttori metabolici e si trova nelle acque dolci e salate, rilasciato da vernici antimuffa e da manufatti in PVC.
In questo lavoro abbiamo dimostrato che l’esposizione cronica alla TBT ha un'azione sui circuiti nervosi che controllano il metabolismo e l’assunzione di cibo.

In un modello sperimentale murino abbiamo dimostrato che l’esposizione alla TBT per quattro settimane induce significative diminuzioni della leptina circolante in entrambi i sessi, dell’espressione del peptide NPY a livello ipotalamico (NPY è responsabile dell'induzione dell’appetito) solo nei maschi, e dell’espressione del suo recettore principale (Y1).

Contrariamente a quanto si era pensato finora, il nostro modello sperimentale dimostra che la TBT non ha solo effetti sul tessuto adiposo, ma può fortemente influenzare anche i circuiti nervosi, in particolare quelli correlati con l’assunzione del cibo e il controllo del metabolismo.

Andrology, giugno 2016

Adult exposure to tributyltin affects hypothalamic neuropeptide Y, Y1 receptor distribution, and circulating leptin in mice

E. Bo, A. Farinetti, M. Marraudino, D. Sterchele, C. Eva, S. Gotti, G. Panzica

Agenda

16 febbraio 2019

Torino - 10th International Meeting STEROIDS and NERVOUS SYSTEM

Since 2001, this meeting represented an important event for basic and clinical researchers working on this emerging scientific topic. We will address state-of-the-art approaches in the field of steroids and nervous system, including behavior, epigenetics, genomic and non-genomic actions, the vitamin D, neurodegenerative and psychiatric disorders, and the interference among endocrine disruptors and steroid signaling.

Ricerca

Atassia: scoperto il difetto cellulare responsabile di una rara malattia neurologica

Un malfunzionamento dei mitocondri, le centrali energetiche delle cellule, causa lo sviluppo della SCA28, una forma ereditaria di atassia. Dopo 10 anni di studi e grazie al sostegno di Fondazione Telethon, la scoperta del team di ricerca guidato dai proff. Alfredo Brusco e Filippo Tempia dell’Università di Torino e NICO. Lo studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Neurobiology of Disease.

4 dicembre 2018