Distruttori endocrini ed effetti nocivi sulla salute: un team di ricerca internazionale per sbloccare le incertezze europee

Condividi su
25/04/2016
Distruttori endocrini ed effetti nocivi sulla salute: un team di ricerca internazionale per sbloccare le incertezze europee

Un gruppo di ricerca internazionale potrebbe sbloccare quasi 3 anni di impasse della Commissione Europea sulla definizione dei distruttori endocrini (EDC) e sulla conseguente applicazione delle leggi che ne limitino l’uso.

Presenti in pesticidi come il DDT, in saponi, dentifrici, cosmetici, profumi e plastiche, gli Endocrine Disrupting Chemicals (EDCs) sono molecole che hanno effetti nocivi sulla salute - malformazioni congenite, alterazioni del sistema nervoso e del comportamento, cancro al seno – e che hanno provocato danni nell'Unione europea per un costo sanitario stimato tra i 100 e 200 miliardi di euro.
 
Dal 2013 le leggi già esistenti a livello europeo su pesticidi e biocidi - per la parte relativa ai distruttori endocrini – non sono state applicate a causa della mancata pubblicazione dei criteri per l'identificazione degli EDC: la Commissione europea, incaricata di questo compito, ha chiamato in causa una supposta mancanza di consenso scientifico e la necessità di studi di valutazione d'impatto.

GianCarlo Panzica, Direttore del Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Torino e group leader presso il NICO, insieme ad altri 6 ricercatori indipendenti di istituti di ricerca dell'Università di Grenoble Alpes, del CNRS e Museum national d’Histoire naturelle (Francia); del CHU di Liegi (Belgio); dell'Università di Nottingham e della Brunel University di Londra (UK), e dell'Università del Massachusetts (Amherst, USA), ha pubblicato sulla rivista Environmental Health Perspectives uno studio che smantella le incertezze sulla definizione scientifica di EDC, proponendo di applicare a queste molecole lo stesso approccio utilizzato per l'identificazione e la regolamentazione delle sostanze cancerogene.

Il team di ricercatori sostiene che:
1 – esiste un'ampia accettazione della definizione di EDC data dal World Health Organization (WHO), che già nel 2002 li riconosceva scientificamente come sostanze pericolose;

2 – per identificare gli EDC è valido l'approccio per l'identificazione di altre sostanze a rischio per la salute, come gli agenti cancerogeni o le sostanze tossiche per la riproduzione: una classificazione sulle 3 categorie "distruttori endocrini", "sospetti distruttori endocrini" e "sostanze attive a livello endocrino";

3 – in linea con la decisione della Corte di giustizia europea (2015), i criteri scientifici per includere una sostanza nelle tre categorie non possono essere identificati con studi di valutazione d'impatto, pensati non per definire i pericoli, ma per quantificare l'impatto sanitario, sociale ed economico delle normative;

4 – le ragioni della Commissione Europea per giustificare i ritardi nella pubblicazione dei criteri scientifici servirebbero a rinviare la piena applicazione delle leggi del 2009 e del 2012 sui pesticidi e biocidi, nel tentativo di distorcere la definizione di EDC per modificare lo spirito della legge, mescolando aspetti scientifici e politici.

Agenda

03 dicembre 2021

Sportello LESIONI SPINALI

Mandateci le vostre domande

Premesso che al NICO ci occupiamo di ricerca di base (e non abbiamo quindi pazienti in cura), crediamo sia compito di noi ricercatori dare risposte chiare e soprattutto scientificamente corrette a chi incorre in notizie parzialmente false, scorrette o addirittura in vere e proprie bufale.
Il caso Stamina ci ha insegnato a essere vigili: un piccolo soffio di vento, se “seminato” in un terreno fertile, può infatti scatenare una pericolosa tempesta.

Da qui la volontà di creare questo sportello, uno spazio dedicato alle vostre domande e ai vostri dubbi. Un progetto nato in sinergia con il Coordinamento Para-Tetraplegici del Piemonte, con cui siamo in contatto da molto tempo, e con il Prof. Diego Garbossa, Primario di Neurochirurgia di Città della Salute e della Scienza di Torino, con cui abbiamo creato un team che riunisce ricerca base e neurochirurgia.

Inviate le vostre domande e le leggete alcune delle nostre risposte

31 agosto 2020