Gemelle, ma diverse: come nascono e si rinnovano le cellule che formano la mielina del cervello

Condividi su
10/09/2014
Gemelle, ma diverse: come nascono e si rinnovano le cellule che formano la mielina del cervello

Gemelle, ma diverse: come nascono e si rinnovano le cellule che formano la mielina del cervello

Individuato un nuovo meccanismo per potenziare il riparo della guaina mielinica nel cervello anziano e nelle patologie demielinizzanti come la Sclerosi Multipla

Alterazioni della mielina, il rivestimento che permette la conduzione dei segnali nervosi, causano malattie molto gravi, come la Sclerosi Multipla, e contribuiscono al declino cognitivo durante l'invecchiamento.

I progenitori degli oligodendrociti - le cellule che generano la mielina - si comportano come cellule staminali e proliferano attraverso una divisione asimmetrica, generando due cellule figlie gemelle ma già diverse e predestinate alla nascita: una rimarrà progenitore e continuerà a dividersi, mentre l'altra procederà verso la produzione di mielina. Agendo sui meccanismi che regolano questa divisione è possibile quindi ri-determinare il destino delle cellule, "reindirizzandole" allo scopo di aumentare il numero di quelle che maturando generano la mielina.

Sono i risultati della ricerca guidata da Enrica Boda e Annalisa Buffo del NICO in collaborazione con i ricercatori dell'Università Statale e del CNR di Milano (rispettivamente Maria Pia Abbracchio e Patrizia Rosa) e dell'Università di Basilea. [ leggi il comunicato stampa ]

Nella foto le ricercatrici che hanno firmato la pubblicazione, da sinistra: Annalisa Buffo, Enrica Boda e Silvia Di Maria.

BODA_GLIA

GLIA, 11 September 2014
Early phenotypic asymmetry of sister oligodendrocyte progenitor cells after mitosis and its modulation by aging and extrinsic factors
Enrica Boda,1 Silvia Di Maria,1 Patrizia Rosa,2 Verdon Taylor,3 Maria P. Abbracchio,4 and Annalisa Buffo1

1Department of Neuroscience, Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi (NICO), Università degli Studi di Torino, Regione Gonzole, 10-10043, Orbassano (Turin), Italy; 2CNR-Institute of Neuroscience, Department of Medical Pharmacology, University of Milan, Milan, Italy; 3Embryology and Stem Cell Biology, Department of Biomedicine, University of Basel, CH-4058, Basel, Switzerland; 4Laboratory of Molecular and Cellular Pharmacology of Purinergic Transmission, Department of Pharmacological and Biomolecular Sciences, Università degli Studi di Milano, 20133, Milan, Italy.

Sportello LESIONI SPINALI

Mandateci le vostre domande

Premesso che al NICO ci occupiamo di ricerca di base (e non abbiamo quindi pazienti in cura), crediamo sia compito di noi ricercatori dare risposte chiare e soprattutto scientificamente corrette a chi incorre in notizie parzialmente false, scorrette o addirittura in vere e proprie bufale.
Il caso Stamina ci ha insegnato a essere vigili: un piccolo soffio di vento, se “seminato” in un terreno fertile, può infatti scatenare una pericolosa tempesta.

Da qui la volontà di creare questo sportello, uno spazio dedicato alle vostre domande e ai vostri dubbi. Un progetto nato in sinergia con il Coordinamento Para-Tetraplegici del Piemonte, con cui siamo in contatto da molto tempo, e con il Prof. Diego Garbossa, Primario di Neurochirurgia di Città della Salute e della Scienza di Torino, con cui abbiamo creato un team che riunisce ricerca base e neurochirurgia.

Inviate le vostre domande e le leggete alcune delle nostre risposte

31 agosto 2020