Il farmaco Lestaurtinib come terapia per il medulloblastoma

Condividi su
28/06/2023
Il farmaco Lestaurtinib come terapia per il medulloblastoma

Frontiers in Oncology, 19 giugno 2023
Il farmaco Lestaurtinib come terapia per il medulloblastoma

Il Lestaurtinib, farmaco già testato in studi clinici su altre tipologie di tumore, esercita effetti antitumorali significativi in modelli sperimentali di medulloblastoma. Lo dimostra lo studio del gruppo NICO di Neurogenesi embrionale - guidato dal prof. Ferdinando Di Cunto - e pubblicato su Frontiers.  

Pallavicini G1,2*, Iegiani G1,2*, Parolisi R1,2, Ferraro A1,2, Garello F3, Bitonto V3, Terreno E3, Gai M3 and Di Cunto F1,2

Il medulloblastoma è il più comune tumore celebrare in età pediatrica. Il trattamento di questo tipo di neoplasia consiste nella rimozione chirurgica della massa tumorale, seguita da radioterapia e chemioterapia. Questi trattamenti conseguono buoni risultati riguardo alla sopravvivenza, ma in genere determinano importanti disturbi neurologici, cognitivi ed endocrini. È necessario pertanto individuare nuove terapie, più specifiche ed efficaci.

Il gruppo NICO di Neurogenesi embrionale - guidato dal prof. Ferdinando Di Cunto - ha dimostrato che il Lestaurtinib, farmaco già studiato in relazione ad altre neoplasie, esercita effetti antitumorali significativi in modelli sperimentali di medulloblastoma.

Lo studio

La ricerca è partita dallo studio della proteina CitronKinase (CITK), potenziale bersaglio per il trattamento del medulloblastoma precedentemente identificato. Lo ‘spegnimento’ del gene corrispondente nelle cellule di medulloblastoma inibisce la crescita tumorale in diversi modelli preclinici. Poiché al momento non sono disponibili farmaci specifici in grado di bloccare l’azione di CITK, il gruppo del prof. Di Cunto si è concentrato su molecole note per inibire CITK insieme ad altri enzimi della stessa classe. Tra queste, il Lestaurtinib ha dimostrato un’ottima potenzialità nel ridurre la proliferazione delle cellule di medulloblastoma e nell’aumentarne la morte in coltura. Il farmaco si è dimostrato efficace anche in vivo, riducendo la crescita tumorale e aumentando la sopravvivenza, in topi portatori di medulloblastomi sperimentali.

I vantaggi del riposizionamento farmacologico

Il Lestaurtinib è un farmaco relativamente ben tollerato, già testato in studi clinici su altre tipologie di tumore, come leucemia mieloide acuta e il neuroblastoma. Pertanto, anche se il Lestaurtinib non può essere al momento considerato come un nuovo farmaco per il medulloblastoma, gli studi effettuati identificano questa molecola come una promettente candidata per il riposizionamento farmacologico, approccio in grado di fornire nuovi trattamenti in tempi inferiori, rispetto allo sviluppo di molecole completamente nuove.

Figura per articolo sito
(A) Immagine rappresentativa della risonanza magnetica su cervello di topi trattati per 4 settimane consecutive con soluzione controllo (DMSO) o Lestaurtinib. Le linee gialle delineano l'area del tumore. (B) Analisi della crescita del tumore nell'esperimento come descritto in (A). (C) Analisi della sopravvivenza dei topi trattati con soluzione controllo (DMSO) o Lestaurtinib. Si può notare come i topi trattati con il Lestaurtinib abbiano una crescita del tumore ridotta e una maggiore sopravvivenza.

Pallavicini G1,2*, Iegiani G1,2*, Parolisi R1,2, Ferraro A1,2, Garello F3, Bitonto V3, Terreno E3, Gai M3 and Di Cunto F1,2 (2023) Lestaurtinib inhibits Citron kinase activity and medulloblastoma growth through induction of DNA damage, apoptosis and cytokinesis failure Front. Oncol., 19 June 2023; doi.org/10.3389/fonc.2023.1202585

Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi, Turin, Italy
Department of Neuroscience ‘Rita Levi Montalcini’, University of Turin, Turin, Italy
Department of Molecular Biotechnology and Health Sciences, University of Turin, Turin, Italy

Agenda

01 marzo 2024

NICO NeuroWebinar & Seminar

1 appointment per week, on Friday at 2.00 pm

Guarda il video

GiovedìScienza racconta la ricerca al NICO

Vivere per sempre. 
Una popolazione sempre più longeva, i suoi problemi e le risposte della ricerca

Hai perso la diretta? Guarda ora il video di GiovedìScienza al NICO: una puntata in diretta dai nostri laboratori dedicata alla ricerca sull'invecchiamento.

3 marzo 2022