Le differenze di sesso influenzano l'impatto della manipolazione genica sul metabolismo e sul comportamento

Condividi su
12/01/2021
Le differenze di sesso influenzano l'impatto della manipolazione genica sul metabolismo e sul comportamento

Neuroscience & Biobehavioral Reviews, dicembre 2020
Le differenze di sesso influenzano l'impatto della manipolazione genica sul metabolismo e sul comportamento

Eva C abc, Oberto A abc, Longo Aab, Palanza P d, Bertocchi I abc

Punti salienti

  • Le differenze di sesso influenzano l'impatto della manipolazione genica sul metabolismo e sul comportamento
  • I topi geneticamente modificati svelano le differenze di sesso nel sistema NPY
  • I geni NPY e YR influenzano in modo dipendente dal sesso l'omeostasi energetica e ossea
  • I geni NPY e YR influenzano in modo dipendente dal sesso le funzioni emotive e cognitive

Cervello e ormoni gonadici interagiscono nel controllare le funzioni metaboliche e comportamentali in modo sesso-dipendente. Tuttavia, la maggior parte della ricerca neuroscientifica traslazionale relativa a modelli animali di disturbi endocrini e psichiatrici viene spesso condotta solo su animali maschi.

Il sistema del Neuropeptide Y (NPY) mostra differenze correlate al sesso ed è sensibile agli steroidi gonadici. Sulla base dei dati pubblicati dal nostro gruppo di Neuropsicofarmacologia e da altri laboratori, le nostre ricercatrici discutono in questa review le differenze legate al sesso dell'azione del sistema NPY sul bilancio energetico, sull'omeostasi ossea e sul comportamento osservate in modelli di roditori portanti modificazioni genetiche a carico dei geni che codificano per NPY e i suoi recettori principali (Y1, Y2, Y5).

npy

L’analisi comparativa del fenotipo dei roditori transgenici e knockout del recettore NPY e dei recettori Y svela differenze in base al sesso nelle funzioni di questo sistema di neurotrasmissione.

Una maggiore conoscenza di queste differenze è utile per il possibile sviluppo di terapie più mirate per una varietà di disturbi legati al sesso, come la sindrome metabolica, l’osteoporosi e la dipendenza da etanolo.

Figure 1

Figura 1
Il 17β-estradiolo (E2) esercita potenti effetti anoressizzanti diminuendo la segnalazione NPY/ AgRP in modi diversi. E2 diminuisce l'espressione del gene NPY nell'ARC tramite l'attivazione del sottotipo alfa dei recettori per gli estrogeni(ERα); inibisce rapidamente l'eccitabilità di membrana dei neuroni NPY/AgRP nell’ARC migliorando l'accoppiamento del recettore GABAB ai canali GIRK, attraverso un recettore degli estrogeni associato alla membrana (Gq-mER); inibisce il rilascio di NPY nel PVN.
Inoltre, E2 può influenzare indirettamente la segnalazione NPY, modulando l'eccitabilità dei neuroni ARC e la forza di molteplici mediatori anoressigenici e oressigenici. E2 aumenta l’espressione del gene POMC e l’eccitabilità dei neuroni POMC, che esercitano un controllo inibitorio sui neuroni NPY; diminuisce gli effetti oressigenici della grelina, che bersaglia i neuroni NPY; stimola i neuroni anoressigenici Kiss1, che inibiscono i neuroni NPY, esprimono ERα e sono essenziali per la regolazione della secrezione di GnRH.
I recettori dell'insulina e della leptina sono anche distribuiti nell'ARC, dove inibiscono la neurotrasmissione a NPY.

a Neuroscience Institute of the Cavalieri-Ottolenghi Foundation, 10043 Orbassano, Turin, Italy
b Department of Neuroscience, University of Turin, 10126 Turin, Italy
c Neuroscience Institute of Turin
d University of Parma, Department of Medicine and Surgery, University of Parma, 43100, Parma, Italy

Agenda

21 maggio 2021

Sportello LESIONI SPINALI

Mandateci le vostre domande

Premesso che al NICO ci occupiamo di ricerca di base (e non abbiamo quindi pazienti in cura), crediamo sia compito di noi ricercatori dare risposte chiare e soprattutto scientificamente corrette a chi incorre in notizie parzialmente false, scorrette o addirittura in vere e proprie bufale.
Il caso Stamina ci ha insegnato a essere vigili: un piccolo soffio di vento, se “seminato” in un terreno fertile, può infatti scatenare una pericolosa tempesta.

Da qui la volontà di creare questo sportello, uno spazio dedicato alle vostre domande e ai vostri dubbi. Un progetto nato in sinergia con il Coordinamento Para-Tetraplegici del Piemonte, con cui siamo in contatto da molto tempo, e con il Prof. Diego Garbossa, Primario di Neurochirurgia di Città della Salute e della Scienza di Torino, con cui abbiamo creato un team che riunisce ricerca base e neurochirurgia.

Inviate le vostre domande e le leggete alcune delle nostre risposte

31 agosto 2020