NSC-Reconstruct: al via il progetto europeo

Condividi su
03/04/2020
NSC-Reconstruct: al via il progetto europeo
EC-H2020

3 aprile 2020

NSC-Reconstruct
Nuove Strategie per la Ricostruzione Neurale basata su Cellule 

Al via il progetto europeo nel campo della medicina rigenerativa per le malattie neurodegenerative

Horizon-2020 ok

È partito oggi con il kick-off meeting telematico il progetto europeo NSC-Reconstruct – Novel Strategies for Cell-based Neural Reconstruction (Horizon 2020), nel quale la prof.ssa Annalisa Buffo del NICODipartimento di Neuroscienze dell'Università di Torino guida il pacchetto di lavoro WP3, mirato a mettere a punto strategie per la riparazione di reti cerebrali complesse, come quelle colpite nella malattia di Huntington.

GruppoBuffo_NICO_2020 - web

La prof.ssa Annalisa Buffo (la terza da sinistra) con il suo gruppo di ricerca di Fisiopatologia delle cellule staminali cerebrali

Far fronte ai problemi che derivano dalle lesioni cerebrali che colpiscono i pazienti di malattie neurodegenerative, le cui esigenze da un punto di vista clinico sono, a oggi, senza risposta. È questo l’obiettivo di NSC-Reconstruct, il progetto coordinato dalla prof.ssa Elena Cattaneo dell’Università Statale di Milano che riunisce 13 enti tra Università, centri di ricerca, industrie e PMI di sei paesi europei.

Il progetto si concentra sullo sviluppo di strategie in grado di sostituire o riprogrammare le cellule danneggiate e di ricostruire i circuiti interrotti a partire dalle cellule staminali embrionali umane. Focus del consorzio NSC-Reconstruct è la malattia di Parkinson, ma il gruppo lavorerà anche per mettere a punto strategie per il ripristino dei circuiti colpiti nell’Huntington o a seguito di traumi o ictus.

Immagine1

In questo settore della biomedicina è proprio la ricerca europea ad aver fatto da pioniere: grazie alle conoscenze acquisite negli ultimi 15 anni - sviluppate e potenziate anche dalle ricerche promosse dai tre consorzi precedenti, coordinati dalla Statale - e ai prodotti oggi disponibili derivati dalle cellule staminali embrionali umane, stanno per essere avviate le prime sperimentazioni cliniche per la malattia di Parkinson.

Con il consorzio NSC-Reconstruct la ricerca del settore si prefigge di andare oltre la sostituzione di un singolo tipo neuronale per mettere a punto strategie di sostituzione di circuiti nervosi utilizzando cellule potenziate e immuno-tolleranti.

NSC-Reconstruct darà la possibilità di amplificare e approfondire le conoscenze acquisite nei due progetti precedenti: il consorzio Neurostemcell (FP7, 2008-13) e Neurostemcellrepair (FP7, 2013-17), quest'ultimo ha visto coinvolti anche i nostri gruppi di ricerca guidati dal prof. Alessandro Vercelli e dalla prof.ssa Annalisa Buffo.

Immagine2
Immagine a sinistra e in alto - I neuroni umani trapiantati (cellule rosse, nucleo verde) maturano ed estendono i propri processi per connettersi con altri neuroni.

Agenda

22 maggio 2020

Sportello LESIONI SPINALI

Paziente tetraplegico operato al CTO di Torino torna a usare le mani

Una notizia che abbiamo letto tutti di recente sui giornali. Noi del NICO abbiamo la fortuna di collaborare da anni con il dott. Bruno Battiston e il prof. Diego Garbossa - i chirurghi che hanno svolto l'operazione - e ci siamo fatti spiegare bene in cosa consiste l’intervento, quale era la situazione del paziente e quali saranno i possibili risultati. 
Tutto questo al di là delle semplificazioni e dei titoli roboanti dei giornali, comprensibilmente utilizzati per attirare l’attenzione dei lettori.

10 giugno 2019