Trattamento neurodinamico (NDT) dei nervi periferici

Condividi su
26/07/2021
Trattamento neurodinamico (NDT) dei nervi periferici

Scientific Report, 24 giugno 2021
Trattamento neurodinamico (NDT) dei nervi periferici

Numerosi studi clinici dimostrano che il trattamento neurodinamico (NDT) è efficace nel ridurre il dolore. Tuttavia sono ancora sconosciuti i meccanismi biologici che promuovono i processi di guarigione del nervo indotti dall’NDT, con una conseguente mancanza di protocolli standardizzati. Lo studio realizzato dal gruppo NICO di Rigenerazione dei nervi colma questa lacuna, aumentando la conoscenza dei meccanismi biologici attivati ​​in risposta all’applicazione del neurotensionamento, e aiutando a comprenderne l’efficacia nel trattamento del dolore.

Giacomo Carta 1 2 3, Giovanna Gambarotta 1 2, Benedetta Elena Fornasari 1 2, Luisa Muratori 1 2, Marwa El Soury 1 2, Stefano Geuna 1 2, Stefania Raimondo 4 5, Federica Fregnan 1 2

Consiste nello stiramento ripetuto e selettivo del nervo periferico con movimenti fisiologici. Parliamo del trattamento neurodinamico (NDT), che numerosi studi clinici confermano essere efficace nel ridurre il dolore.

Nonostante l’applicazione clinica, i meccanismi biologici con cui NDT promuova i processi di guarigione del nervo sono ancora sconosciuti e non è noto se vi sia un effetto dose-risposta con una conseguente mancanza di protocolli standardizzati.

In questo studio in vitro il gruppo NICO di Rigenerazione dei Nervi (nell'immagine i due ricercatori che hanno guidato la ricerca, Giacomo Carta e Federica Fregnan) ha cercato di capire se l’applicazione di protocolli NDT sia in grado di indurre effetti biologici selettivi su popolazioni di neuroni sensitivi e motori, studiando anche i possibili meccanismi molecolari coinvolti.

Carta-Fregnan

I risultati ottenuti dimostrano che l'NDT induce significativi cambiamenti dose-dipendenti promuovendo la differenziazione cellulare, la crescita dei neuriti e la sopravvivenza dei neuroni, specialmente nei neuroni sensitivi. In particolare, l'NDT regola significativamente l'espressione del gene PIEZO1, che codifica per un canale ionico che è espresso sia nei neuroni sensoriali murini che umani, correlato alla trasduzione degli stimoli meccanici e alla soppressione del dolore.

I risultati dello studio pubblicato su Scientific Reports contribuiscono quindi ad aumentare la conoscenza dei meccanismi biologici attivati ​​in risposta all’applicazione del neurotensionamento, e a comprenderne l’efficacia nel trattamento del dolore.

Graphical ABSTRACT
Il trattamento neurodinamico (NDT), somministrato con un bioreattore creato ad hoc, promuove significativamente la sopravvivenza cellulare dei neuroni sensitivi (50B11) senza produrre effetti avversi anche in quelli motori, ed è capace di promuovere la crescita dei neuriti e la differenziazione cellulare, fenomeni connessi alla rigenerazione del nervo periferico.

1 Department of Clinical and Biological Sciences, University of Torino, Regione Gonzole 10, 10043, Orbassano, Italy.
2 Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi (NICO), University of Torino, Regione Gonzole 10, 10043, Orbassano, Italy.
3 ASST Nord Milano, Sesto San Giovanni Hospital, Milan, Italy.
4 Department of Clinical and Biological Sciences, University of Torino, Regione Gonzole 10, 10043, Orbassano, Italy. 
5 Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi (NICO), University of Torino, Regione Gonzole 10, 10043, Orbassano, Italy.

Agenda

15 ottobre 2021

Sportello LESIONI SPINALI

Mandateci le vostre domande

Premesso che al NICO ci occupiamo di ricerca di base (e non abbiamo quindi pazienti in cura), crediamo sia compito di noi ricercatori dare risposte chiare e soprattutto scientificamente corrette a chi incorre in notizie parzialmente false, scorrette o addirittura in vere e proprie bufale.
Il caso Stamina ci ha insegnato a essere vigili: un piccolo soffio di vento, se “seminato” in un terreno fertile, può infatti scatenare una pericolosa tempesta.

Da qui la volontà di creare questo sportello, uno spazio dedicato alle vostre domande e ai vostri dubbi. Un progetto nato in sinergia con il Coordinamento Para-Tetraplegici del Piemonte, con cui siamo in contatto da molto tempo, e con il Prof. Diego Garbossa, Primario di Neurochirurgia di Città della Salute e della Scienza di Torino, con cui abbiamo creato un team che riunisce ricerca base e neurochirurgia.

Inviate le vostre domande e le leggete alcune delle nostre risposte

31 agosto 2020