Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria e il per NICO

Condividi su
03/05/2020
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria e il per NICO

Ultimo aggiornamento: 3 maggio

Come da indicazioni del Rettore dell'Università di Torino, anche il NICO si adegua alla gestione della fase 2 che - a partire dal 4 maggio - prevede un primo allentamento delle misure restrittive di contenimento.

Come principio generale, ci si potrà recare in istituto per attività di laboratorio, ma l'ingresso e la frequenza dei singoli laboratori verranno contingentati per mantenere il distanziamento sociale. 

Il rientro lavorativo non è obbligatorio, e dietro opportuna richiesta è possibile continuare a lavorare in smart working.

Queste regole sono valide per: personale strutturato, assegnisti di ricerca, contrattisti, borsisti e dottorandi. 

Al momento, come indicato da UNITO, gli studenti frequentatori e i tesisti non vengono ancora riammessi.

Altri aggiornamenti saranno forniti costantemente.

Si consiglia di consultare anche questa pagina del sito web Unito.it, costantemente aggiornata:

Coronavirus: disposizioni per studia e lavora

 

 

Agenda

10 luglio 2020
12 novembre 2020

XXX Convegno nazionale del Gruppo Italiano per lo Studio della Neuromorfologia

Il convegno annuale GISN era programmato a Torino per il prossimo novembre.
Il Comitato Organizzatore e il Consiglio Scientifico hanno deciso di non cancellare l'evento, ma di proporlo in forma di incontro online che si svolgerà, con un formato leggermente diverso da quello degli anni precedenti, da giovedì 12 a sabato 14 novembre 2020.

Sportello LESIONI SPINALI

Paziente tetraplegico operato al CTO di Torino torna a usare le mani

Una notizia che abbiamo letto tutti di recente sui giornali. Noi del NICO abbiamo la fortuna di collaborare da anni con il dott. Bruno Battiston e il prof. Diego Garbossa - i chirurghi che hanno svolto l'operazione - e ci siamo fatti spiegare bene in cosa consiste l’intervento, quale era la situazione del paziente e quali saranno i possibili risultati. 
Tutto questo al di là delle semplificazioni e dei titoli roboanti dei giornali, comprensibilmente utilizzati per attirare l’attenzione dei lettori.

10 giugno 2019