Olimpiadi delle Neuroscienze 2017

Condividi su
16/10/2016
Olimpiadi Neuroscienze

Al via le Olimpiadi delle Neuroscienze 2017

ISCRIZIONI PROROGATE al 31 gennaio 2017

Intelligenza, memoria, emozioni. Ma anche stress, invecchiamento, sonno e malattie del sistema nervoso.
Questi gli argomenti su cui sono chiamati a cimentarsi gli studenti delle scuole medie superiori, per le Olimpiadi delle Neuroscienze.

Le Olimpiadi, arrivate alla VIII edizione, costituiscono le fasi locale e nazionale della International Brain Bee (IBB): la competizione internazionale che mette alla prova i ragazzi di età compresa fra i 13 e i 19 anni sull'affascinante mondo delle Neuroscienze.

Promotore dell’evento nazionale è la Società Italiana di Neuroscienze (SINS), la più importante società scientifica nazionale a carattere interdisciplinare per lo studio del Sistema Nervoso e delle sue malattie. Per il primo anno le Olimpiadi sono organizzate dall'Istituto di Scienze Neurologiche del CNR di Catania, che ospiterà la finale nazionale.

Obiettivo principale della competizione è accrescere fra i giovani l'interesse per la biologia in generale e per lo studio della struttura e del funzionamento del cervello umano, l'organo più complesso del nostro corpo.

Il vincitore, che rappresenterà l'Italia, riceverà una borsa di studio per partecipare alla competizione internazionale che si terrà a Washington DC, USA dal 3 al 6 agosto 2017 nell’ambito della American Psychological Association's Convention.

La selezione piemontese è organizzata dalla nostra ricercatrice Marina Boido.
Lettera di invito

L'edizione 2017 delle Olimpiadi delle Neuroscienze si articola in 3 fasi:

1. FASE LOCALE - 17 febbraio 2017: si svolge nelle singole scuole. Ogni scuola deve individuare i 5 migliori studenti.

2. FASE REGIONALE - 18 marzo 2017: in Piemonte si svolgerà presso il Dipartimento di Anatomia dell'Università di Torino, in Corso Massimo d'Azeglio 52 (Torino).
In questa fase vengono selezionati i 3 migliori studenti per ogni regione.

3. FASE NAZIONALE - 5 e 6 maggio 2017: si svolgerà a Catania, dove, tra i 3 migliori studenti di ogni competizione regionale, verrà individuato il vincitore nazionale che partecipa alla finale internazionale a Washington.

Come partecipare

Per partecipare le scuole devono iscriversi compilando il form di registrazione disponibile sul sito delle Olimpiadi fino al 31 gennaio 2017 >> vai alla pagina
>> accedi al modulo di registrazione

  IMPORTANTE: nella pagina di registrazione è indicata la procedura per richiedere la fattura elettronica. Per procedere con l'iscrizione occorre aver effettuato il bonifico e indicare il CRO  

Per la partecipazione è previsto un contributo di 2 euro* per ciascun studente partecipante alla fase locale, che le singole scuole dovranno versare alla Società di Neuroscienze secondo le modalità indicate nel modulo di iscrizione.

* il contributo di 2 euro viene richiesto a ciascuno studente, non alle scuole. Le scuole devono solo raccogliere le quote e provvedere al versamento alla Società Italiana di Neuroscienze (SINS). Abbiamo scelto due Euro perché è un contributo simbolico, una moneta, che ciascun ragazzo si può permettere e che può dare una maggiore motivazione a partecipare. La quota di 2 euro contribuirà a sostenere le spese della fase nazionale. Come nelle edizioni precedenti sono previsti dei contributi per le spese di viaggio, differenziato a seconda della regione di provenienza, e vitto/alloggio per ciascun partecipante alla fase nazionale e per i docenti/accompagnatori (uno per regione).

Che cosa studiare

Se la scuola decide di partecipare alla competizione, gli studenti possono prepararsi con il materiale didattico disponibile sul sito (al fondo della pagina).

Referente organizzativa e contatti per il Piemonte: 
Barbara Magnani e-mail: barbara.magnani@unito.it

Agenda

03 dicembre 2021

Sportello LESIONI SPINALI

Mandateci le vostre domande

Premesso che al NICO ci occupiamo di ricerca di base (e non abbiamo quindi pazienti in cura), crediamo sia compito di noi ricercatori dare risposte chiare e soprattutto scientificamente corrette a chi incorre in notizie parzialmente false, scorrette o addirittura in vere e proprie bufale.
Il caso Stamina ci ha insegnato a essere vigili: un piccolo soffio di vento, se “seminato” in un terreno fertile, può infatti scatenare una pericolosa tempesta.

Da qui la volontà di creare questo sportello, uno spazio dedicato alle vostre domande e ai vostri dubbi. Un progetto nato in sinergia con il Coordinamento Para-Tetraplegici del Piemonte, con cui siamo in contatto da molto tempo, e con il Prof. Diego Garbossa, Primario di Neurochirurgia di Città della Salute e della Scienza di Torino, con cui abbiamo creato un team che riunisce ricerca base e neurochirurgia.

Inviate le vostre domande e le leggete alcune delle nostre risposte

31 agosto 2020