La visita dell'Assessore Antonio Saitta

Condividi su
30/10/2014
saitta

A fine ottobre è venuto a conoscerci e a visitare i nostri laboratori l'Assessore Antonio Saitta.

Ad accoglierlo il vice Presidente Paolo Bertolino, il nostro direttore Alessandro Vercelli (nelle foto qui in alto, a partire da sinistra: Vercelli, Bertolino, Saitta) e i responsabili dei gruppi di ricerca: Annalisa Buffo, Carola Eva, GianCarlo Panzica, Luca Bonfanti, Antonio Bertolotto, Stefano Geuna e Filippo Tempia.

Condividiamo volentieri il commento rilasciato dell'Assessore Saitta dopo la visita:

"Questa mattina ho avuto modo di visitare la sede del NICO – Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi dell'Università di Torino. Una realtà di eccellenza, dove un gruppo di docenti universitari e una cinquantina di ricercatori studiano il cervello e le malattie neurodegenerative e neurologiche (Alzheimer, Sclerosi Multipla, SLA). Dai loro laboratori sono uscite alcune ricerche di rilievo internazionale preziose per disegnare nuove terapie.

Un grazie al direttore Alessandro Vercelli, al vice presidente Paolo Bertolino, al dottor Antonio Bertolotto che dirige il Centro Regionale Sclerosi Multipla e alla dottoressa Annalisa Buffo e a tutti i ricercatori del NICO per il grande e prezioso lavoro che stanno svolgendo. Non dobbiamo permettere che realtà come queste paghino il prezzo della crisi: investire in ricerca è fondamentale se vogliamo combattere le malattie che colpiscono una parte significativa della popolazione e che mettono a dura prova il nostro sistema sanitario".

Agenda

22 maggio 2020

Sportello LESIONI SPINALI

Paziente tetraplegico operato al CTO di Torino torna a usare le mani

Una notizia che abbiamo letto tutti di recente sui giornali. Noi del NICO abbiamo la fortuna di collaborare da anni con il dott. Bruno Battiston e il prof. Diego Garbossa - i chirurghi che hanno svolto l'operazione - e ci siamo fatti spiegare bene in cosa consiste l’intervento, quale era la situazione del paziente e quali saranno i possibili risultati. 
Tutto questo al di là delle semplificazioni e dei titoli roboanti dei giornali, comprensibilmente utilizzati per attirare l’attenzione dei lettori.

10 giugno 2019