Neuroni Immaturi: la nuova sfida per ringiovanire il cervello

Condividi su
10/07/2019
Neuroni immaturi Mostra Uomo Virtuale
UomoVirtuale_schermiUNITO

giovedì 11 luglio 2019 - ore 18:00
Mostra UOMO VIRTUALE. Corpo, Mente, Cyborg
Mastio della Cittadella - Via Cernaia, Torino

Neuroni Immaturi:
la nuova sfida per ringiovanire il cervello 

Luca Bonfanti, NICO - Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi, Università di Torino

Viviamo sempre più a lungo. Ma come possiamo fermare l'invecchiamento cerebrale? Il cervello può generare nuovi neuroni durante la vita adulta? A che cosa serve la plasticità cerebrale e come possiamo potenziarla? Che cosa sono i "neuroni immaturi"?

Risponde a queste domande e a quelle del pubblico Luca Bonfanti - professore di Anatomia, qui al NICO guida il gruppo di ricerca di Neurogenesi adulta - che da trent'anni studia la ‘neurogenesi adulta’, ovvero come il cervello può cambiare la sua struttura nel corso dell'intera vita dell'individuo. Un’occasione per scoprire i progressi degli ultimi decenni in Neuroscienze, ma anche per ragionare sui grandi quesiti ancora aperti e le difficoltà incontrate per capire fino a che punto (e come) "ringiovanire" il cervello che invecchia.

Trent'anni di ricerche sulla plasticità cerebrale (e oltre 10.000 pubblicazioni scientifiche prodotte a livello mondiale) hanno cambiato la nostra visione dell'organo pensante, che non appare più "statico" come si legge sui libri di scuola, ma che non sembra neanche così disposto a fare ciò che vorremmo. L'evoluzione è la chiave per capire le potenzialità e i limiti del cervello umano, mentre l'insegnamento che ne deriva sembra essere: meglio prevenire che curare!

Appuntamento con la conferenza “Neuroni immaturi: la nuova sfida per ringiovanire il cervellogiovedì 11 luglio alle 18:00, nell’ambito degli eventi organizzati dalla mostra Uomo Virtuale. Corpo, Mente, Cyborg al Mastio della Cittadella di Torino (via Cernaia).

Ingresso gratuito alla mostra dalle 17:30

www.torinoscienza.it

 

Per informazioni e/o prenotazioni visite:

Tel +39 011 6698904 - attivo da martedì a domenica h 10:00 - 18:30 | uomo.virtuale@to.infn.it

Orari MOSTRA: 
martedì - venerdì: 9:30 - 19:00 | sabato - domenica e festivi: 10:00 - 20:00 | lunedì: chiusa
La biglietteria chiude un’ora prima.

UOMO VIRTUALE. Corpo, Mente, Cyborg è una mostra a cura dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) realizzata in collaborazione con IIT - Istituto Italiano di Tecnologia e con il sostegno della Compagnia di San Paolo, il contributo della Regione Piemonte e della Fondazione Palazzo Blu e con il supporto dell’Associazione CentroScienza Onlus. La mostra ha il patrocinio della Città di Torino, della Città metropolitana di Torino e dell’AIFM - Associazione Italiana di Fisica Medica.

Sono partner scientifici: Politecnico di Torino, NICO Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi e NIT Neuroscience Institute Torino dell’Università di Torino, INN-Istituto Nazionale di Neuroscienze, Fondazione Centro Conservazione e Restauro “La Venaria Reale”, Museo Regionale Scienze Naturali della Regione Piemonte, IRCCS Fondazione Stella Maris e Università di Pisa.

Agenda

14 febbraio 2020

NICO Progress Report

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì in sala Seminari.

27 febbraio 2020

GLIAL CELLS-NEURON CROSSTALK IN CNS HEALTH AND DISEASE

University of Turin, Italy  
The Workshop is aimed at PhD students and young Postdocs with the goal to promote a thorough understanding of the functions of glial cells in health and disease. The program includes lectures on the newest conceptual advancements and methodological approaches in the study of glial cells in synaptic functions, development and CNS diseases.

 

Sportello LESIONI SPINALI

Paziente tetraplegico operato al CTO di Torino torna a usare le mani

Una notizia che abbiamo letto tutti di recente sui giornali. Noi del NICO abbiamo la fortuna di collaborare da anni con il dott. Bruno Battiston e il prof. Diego Garbossa - i chirurghi che hanno svolto l'operazione - e ci siamo fatti spiegare bene in cosa consiste l’intervento, quale era la situazione del paziente e quali saranno i possibili risultati. 
Tutto questo al di là delle semplificazioni e dei titoli roboanti dei giornali, comprensibilmente utilizzati per attirare l’attenzione dei lettori.

10 giugno 2019