Grant Fondazione Veronesi 2019: Sara Bonzano del NICO tra i 198 vincitori

Condividi su
20/03/2019
Grant Fondazione Veronesi 2019: Sara Bonzano del NICO tra i 198 vincitori

21 marzo, Università di Milano
Grant Fondazione Veronesi 2019
Sara Bonzano del NICO vince la borsa di studio per il secondo anno di seguito

grantFUV2019

La nostra ricercatrice Sara Bonzano è tra i 198 vincitori del Grant annuale assegnato da Fondazione Umberto Veronesi per il 2019.
La cerimonia di consegna delle borse si è svolta il 21 marzo all'Università di Milano.
Il progetto di ricerca Sara, che si era aggiudicata la borsa di ricerca post-dottorato anche nel 2018, è tra i 21 selezionati nell'ambito dell'area neuroscienze.

Tra le patologie studiate: morbo di Alzheimer, di Parkinson, disturbi dello spettro autistico, sclerosi laterale amiotrofica (SLA) e sclerosi multipla, depressione e invecchiamento cerebrale.

Sara Bonzano, gruppo di Neurogenesi adulta
Nr2f1, mitocondri e cellule staminali:
alleati nella plasticità cerebrale

Con l’invecchiamento il cervello diventa meno plastico e perde la capacità di immagazzinare nuove memorie. Ad oggi, le cellule staminali del cervello rappresentano un potenziale bersaglio per rallentare l’invecchiamento cerebrale. L'ipotesi di lavoro è che il regolatore molecolare Nr2f1/COUP-TFI, che induce le staminali del cervello giovane a formare nuove cellule nervose e la cui funzione diminuisce con l’invecchiamento, possa agire mediante un’azione diretta sui mitocondri, la “centrale energetica” della cellula.

In particolare, si studierà l’effetto di questo regolatore sulle cellule staminali dell’ippocampo, sede di memoria ed apprendimento, e sui loro mitocondri, utilizzando sia approcci genetici volti a manipolare la funzione di Nr2f1/COUP-TFI nelle staminali cerebrali, sia tecniche avanzate di diagnostica per immagini.
Il fine ultimo sarà quello di identificare nuovi potenziali bersagli molecolari per lo sviluppo di terapie innovative per il trattamento delle patologie legate all’invecchiamento cerebrale come le malattie neurodegenerative e la demenza senile.

leggi anche:

Il progetto di Sara vincitore nel 2018
Riattivare le staminali del cervello contro il declino cognitivo

CellReports2018_immagine2

Cell Reports, 10 luglio 2018
Neurone o astrocita?
Scoperto il gene che guida le staminali adulte nella scelta del loro destino
Il gene COUP-TFI controlla che le staminali producano la giusta quantità di nuovi neuroni o astrociti. Un eccesso dei secondi è la conseguenza di processi infiammatori associati a patologie tra cui l’Alzheimer. La scoperta del nostro team guidato dalla prof.ssa Silvia De Marchis 

Agenda

21 gennaio 2022
06 aprile 2022

94° Congresso SIBS - Società Italiana di Biologia Sperimentale Torino, 6 - 9 aprile 2022

Ambiente e salute, oncologia, invecchiamento sano e attivo. Ma anche Antropologia, Biologia degli ambienti acquatici e Intelligenza artificiale. Sono solo alcuni dei temi protagonisti del 94° Congresso SIBS - Società Italiana di Biologia Sperimentale - ospitato a Torino dal 6 al 9 aprile 2022 e organizzato da Marina Boido e Corrado Calì, NICO e Dipartimento di Neuroscienze dell'Università di Torino.

Sportello LESIONI SPINALI

Mandateci le vostre domande

Premesso che al NICO ci occupiamo di ricerca di base (e non abbiamo quindi pazienti in cura), crediamo sia compito di noi ricercatori dare risposte chiare e soprattutto scientificamente corrette a chi incorre in notizie parzialmente false, scorrette o addirittura in vere e proprie bufale.
Il caso Stamina ci ha insegnato a essere vigili: un piccolo soffio di vento, se “seminato” in un terreno fertile, può infatti scatenare una pericolosa tempesta.

Da qui la volontà di creare questo sportello, uno spazio dedicato alle vostre domande e ai vostri dubbi. Un progetto nato in sinergia con il Coordinamento Para-Tetraplegici del Piemonte, con cui siamo in contatto da molto tempo, e con il Prof. Diego Garbossa, Primario di Neurochirurgia di Città della Salute e della Scienza di Torino, con cui abbiamo creato un team che riunisce ricerca base e neurochirurgia.

Inviate le vostre domande e le leggete alcune delle nostre risposte

31 agosto 2020