Olimpiadi delle Neuroscienze 2016: un podio tutto al femminile per la finale regionale

Condividi su
18/03/2016
Olimpiadi delle Neuroscienze 2016: un podio tutto al femminile per la finale regionale

Olimpiadi delle Neuroscienze:
100 studenti in gara a Torino per la finale regionale
sul podio 3 studentesse di Novara e Alba

In Piemonte, campione in carica delle ultime due edizioni, hanno partecipato oltre 600 studenti di 21 scuole. In tutta Italia oltre 6mila in 200 scuole

Un podio tutto al femminile per la finale regionale delle Olimpiadi delle Neuroscienze che si è svolta il 19 marzo al Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Torino.

Letizia Matera (classe III) e Alessia Mittino (classe IV) del Liceo Scientifico Antonelli di Novara (sul podio per il terzo anno di fila) e Bianca Slivinschi (IV) del Liceo Classico Govone di Alba sono le tre vincitrici tra i 100 studenti in gara, i migliori 5 selezionati tra gli oltre 600 di 21 scuole superiori piemontesi che hanno svolto la prova locale il 20 febbraio.

Gli studenti si sono cimentati con cruciverba a gruppi, domande a scelta multipla e infine a risposta diretta, ovviamente su temi di neuroscienze come memoria, emozioni, stress, invecchiamento e le malattie del sistema nervoso. Le tre vincitrici conquistano la finale nazionale, in programma all’Università di Brescia il 30 aprile.
Il vincitore, che rappresenterà l'Italia, riceve una borsa di studio per partecipare alla competizione internazionale che si terrà in Danimarca a luglio.

Siamo davvero colpiti dalla crescente partecipazione alle Olimpiadi di Neuroscienze: di anno in anno il numero degli iscritti è esponenzialmente aumentato – ha commentato la nostra Marina Boido, organizzatrice della gara regionale - e l’interesse manifestato dagli studenti, sempre preparati ed entusiasti, dimostra che lo studio del sistema nervoso può appassionare fortemente queste giovani e fertili menti”.

Agenda

03 dicembre 2021

Sportello LESIONI SPINALI

Mandateci le vostre domande

Premesso che al NICO ci occupiamo di ricerca di base (e non abbiamo quindi pazienti in cura), crediamo sia compito di noi ricercatori dare risposte chiare e soprattutto scientificamente corrette a chi incorre in notizie parzialmente false, scorrette o addirittura in vere e proprie bufale.
Il caso Stamina ci ha insegnato a essere vigili: un piccolo soffio di vento, se “seminato” in un terreno fertile, può infatti scatenare una pericolosa tempesta.

Da qui la volontà di creare questo sportello, uno spazio dedicato alle vostre domande e ai vostri dubbi. Un progetto nato in sinergia con il Coordinamento Para-Tetraplegici del Piemonte, con cui siamo in contatto da molto tempo, e con il Prof. Diego Garbossa, Primario di Neurochirurgia di Città della Salute e della Scienza di Torino, con cui abbiamo creato un team che riunisce ricerca base e neurochirurgia.

Inviate le vostre domande e le leggete alcune delle nostre risposte

31 agosto 2020