UniStem Day 2015

Condividi su
12/03/2015
UniStem Day 2015

UniStemDay 2015 TORINO
13 marzo 

Riguarda l'evento sul canale on demand di Unito Media
e guarda anche la fotogallery della giornata

programma in pdf

UniStemDay è la giornata internazionale dedicata alla ricerca sulle cellule staminali e rivolta agli studenti delle scuole superiori. Un incontro tra mondo della scuola e mondo della ricerca per riflettere insieme su prospettive, problematiche, etica e comunicazione di un tema molto attuale.

La sesta edizione si è svolta il 13 marzo 2015 e ha coinvolto oltre 25 mila studenti, in Italia e in Europa: maggiori informazioni sulle diverse iniziative sul sito ufficiale di UniStem.

L'evento di Torino, organizzato da Agorà Scienza in collaborazione con noi del NICO, è stato ospitato nella nuova Aula Magna dell'Università presso il polo della Cavallerizza Reale, con la partecipazione di oltre 400 studenti. Si è parlato di ricerca e comunicazione della scienza e la mattinata si è conclusa con il dibattito sul tema Alla ricerca del futuro.

Ha coordinato l'evento Luca Bonfanti del NICO.

brain_drain

Scarica le presentazioni:

Luca Bonfanti - Dipartimento di Scienze Veterinarie e NICO (Università di Torino)
Cellule staminali, tessuti, organi e medicina rigenerativa parte 1 - parte 2 ]
Da più di vent'anni le cellule staminali dominano l'interesse delle scienze bio-mediche e della comunicazione scientifica. Per lo più ancora sconosciute (di certo ai non esperti ma, in qualche modo, anche agli scienziati), sono state spesso oggetto di controversie sociali e politiche. Qual è il problema che rallenta il passaggio dalla scienza di base alle applicazioni terapeutiche della cosiddetta medicina rigenerativa?

Agnese Collino e Giulia Corsini - ProTest Italia Unita per la Scienza
Fare ricerca e raccontarla nell'Italia di oggi [ pdf ]
Ripetuti fatti di cronaca, dal caso Stamina al movimento anti-vaccini, suggeriscono che la disinformazione può oscurare l'attendibilità della scienza e degli scienziati. Diversi gruppi di giovani, tra cui studenti, dottorandi e ricercatori hanno iniziato a muoversi spontaneamente per contrastare il fenomeno. Cosa vuol dire fare ricerca in Italia oggi? Qual è l'immagine della scienza sui social network e nelle piazze? Domande apparentemente legate a problemi di nicchia, ma dietro le quali si nasconde il futuro del nostro Paese.

Samanta Mariani - The University of Edinburgh e Tempesta di cervelli
Che cos'è il Brain Drain e perché è importante parlarne pdf ]
Sono sempre più numerosi i giovani che lasciano l'Italia per studiare all'estero o per trovare lavoro come ricercatori dopo aver conseguito un dottorato in Italia. Che cos'è esattamente il fenomeno del brain drain? Qual è il suo impatto economico? Ma soprattutto: quali sono le strategie che si possono attuare per contrastare il fenomeno?

Agenda

23 luglio 2021

Sportello LESIONI SPINALI

Mandateci le vostre domande

Premesso che al NICO ci occupiamo di ricerca di base (e non abbiamo quindi pazienti in cura), crediamo sia compito di noi ricercatori dare risposte chiare e soprattutto scientificamente corrette a chi incorre in notizie parzialmente false, scorrette o addirittura in vere e proprie bufale.
Il caso Stamina ci ha insegnato a essere vigili: un piccolo soffio di vento, se “seminato” in un terreno fertile, può infatti scatenare una pericolosa tempesta.

Da qui la volontà di creare questo sportello, uno spazio dedicato alle vostre domande e ai vostri dubbi. Un progetto nato in sinergia con il Coordinamento Para-Tetraplegici del Piemonte, con cui siamo in contatto da molto tempo, e con il Prof. Diego Garbossa, Primario di Neurochirurgia di Città della Salute e della Scienza di Torino, con cui abbiamo creato un team che riunisce ricerca base e neurochirurgia.

Inviate le vostre domande e le leggete alcune delle nostre risposte

31 agosto 2020