Comunicazione nel sistema nervoso periferico: Elovl5 è necessario per la corretta trasmissione dei segnali elettrici

Condividi su
02/07/2021
Comunicazione nel sistema nervoso periferico: Elovl5 è necessario per la corretta trasmissione dei segnali elettrici

Glia, 17 giugno 2021
Comunicazione nel sistema nervoso periferico:
Elovl5 è necessario per la corretta trasmissione dei segnali elettrici

La mancanza dell’enzima Elovl5 rallenta la trasmissione dei segnali lungo gli assoni e altera sia la conformazione che la composizione della guaina mielinica. Lo dimostra il paper pubblicato sulla rivista Glia dal nostro gruppo di ricerca di Neurofisiologia guidato dal prof. Filippo Tempia.

Eriola Hoxha*1,2, Ilaria Balbo1,2, Roberta Parolisi1, Roberto Spezzano4, Francesca Montarolo1, Francesco Ravera1, Michela Guglielmotto1,2, Stefania Raimondo1,5, Eleonora Di Gregorio6, Annalisa Buffo1,2, Alfredo Brusco6, Barbara Borroni7, Nico Mitro4, Donatella Caruso4, Filippo Tempia1,2,3

open access article

GruppoTempiaNICO_web

La comunicazione delle informazioni nel sistema nervoso avviene tramite segnali elettrici che vengono generati nel corpo cellulare dei neuroni e propagati lungo l’assone verso le regioni di interesse. Questi messaggi viaggiano tanto più velocemente quanto più questi assoni sono “isolati” da una guaina lipidica chiamata mielina. La conduzione dei segnali elettrici lungo gli assoni mielinizzati dipende dall'integrità strutturale della mielina, che è mantenuta da una corretta quantità di lipidi.

In questo paper pubblicato su Glia, il gruppo di Neurofisiologia delle malattie neurodegenerative del NICO - Università di Torino, guidato dal professor Filippo Tempia (al centro nell'immagine qui in alto; a sinistra Ilaria Balbo, a destra Eriola Hoxha, prima autrice dello studio) ha dimostrato che la presenza dell'enzima Elovl5 permette la corretta formazione della guaina mielinica e la conseguente trasmissione di segnali elettrici nel sistema nervoso periferico. Elovl5 è un enzima coinvolto nella sintesi degli acidi grassi polinsaturi a catena lunga omega 3 e 6, necessari per una corretta struttura della membrana mielinica.

Tavola
Ingrandimento di una regione paranodale nel nervo sciatico di topi wild type e Elovl5-/-. la mancanza di Elovl5 porta a un aumento della lunghezza di paranodi e nodi di Ranvier nel nervo sciatico.
L'immagine in alto in BN mostra invece fibre di nervo sciatico. La perdita di Elovl5 induce un aumento della distanza tra i fogli della guaina mielina.

 

Questo lavoro dimostra che la mancanza di Elovl5 induce un rallentamento nella trasmissione dei segnali lungo gli assoni e altera sia la conformazione che la composizione della guaina mielinica. Un importante risultato che potrebbe spiegare numerosi meccanismi patologici e sintomi di molte malattie, tra cui l’atassia spinocerebellare 38 (SCA38) che è causata proprio da una mutazione di questo gene, ELOVL5.

Graphical abstract_revised_nolegend
La perdita di Elovl5 nei nervi periferici porta a uno squilibrio tra acidi grassi saturi e insaturi nei fosfolipidi di membrana, una perdita di compattezza della guaina mielinica e un conseguente rallentamento della conduzione del potenziale d’azione.

1 Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi (NICO)
2 Department of Neuroscience, University of Torino, Italy
3 National Neuroscience Institute (Italy)      
4  Dept. of Pharmacological and Biomolecular Sciences, Università degli Studi di Milano, Italy
5 Department of Clinical and Biological Sciences, University of Torino, Italy
6  Medical Genetics Unit, Città della Salute e della Scienza Hospital and Dept. of Medical Sciences, University of Torino, Italy
7  Neurology Unit, Dept. Clinical and Experimental Sciences, University of Brescia, Italy

Agenda

17 settembre 2021

Sportello LESIONI SPINALI

Mandateci le vostre domande

Premesso che al NICO ci occupiamo di ricerca di base (e non abbiamo quindi pazienti in cura), crediamo sia compito di noi ricercatori dare risposte chiare e soprattutto scientificamente corrette a chi incorre in notizie parzialmente false, scorrette o addirittura in vere e proprie bufale.
Il caso Stamina ci ha insegnato a essere vigili: un piccolo soffio di vento, se “seminato” in un terreno fertile, può infatti scatenare una pericolosa tempesta.

Da qui la volontà di creare questo sportello, uno spazio dedicato alle vostre domande e ai vostri dubbi. Un progetto nato in sinergia con il Coordinamento Para-Tetraplegici del Piemonte, con cui siamo in contatto da molto tempo, e con il Prof. Diego Garbossa, Primario di Neurochirurgia di Città della Salute e della Scienza di Torino, con cui abbiamo creato un team che riunisce ricerca base e neurochirurgia.

Inviate le vostre domande e le leggete alcune delle nostre risposte

31 agosto 2020