Finasteride: effetti della somministrazione subcronica

Condividi su
15/09/2016
Finasteride

Neuroendocrinology, settembre 2016

Finasteride: effetti della somministrazione subcronica

Giatti S.a, Foglio B.b, c , Romano S.a, Pesaresi M.a, Panzica G.b, c, Garcia-Segura L.M.d, Caruso D.a , Melcangi R.C.a 

La finasteride è un inibitore dell’enzima 5alfa reduttasi che determina il metabolismo cerebrale del progesterone e del testosterone, ed è il principio attivo di farmaci usati nel trattamento della iperplasia benigna della prostata e nell’alopecia dipendente dal testosterone.

In questo lavoro, condotto in collaborazione con il gruppo del Prof. Melcangi (Università di Milano), abbiamo dimostrato che la somministrazione subcronica di finasteride in un modello sperimantale murino determina evidenti squilibri nella presenza di neurosteroidi nel plasma, nel liquido cefalo-rachidiano e in alcune regioni cerebrali.
Alcuni di questi effetti permangono anche un mese dopo la fine del trattamento farmacologico.

In conclusione, questi dati indicano che i trattamenti farmacologici con finasteride possono avere vaste conseguenze sul funzionamento del cervello.

a Dipartimento di Scienze Farmacologiche e Biomolecolari, Università degli Studi di Milano, Milan
b Department of Neuroscience, University of Turin, Turin, and 
c Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi (NICO), Orbassano, Italy; 
d Instituto Cajal, C.S.I.C., Madrid, Spain

Agenda

15 ottobre 2021

Giornata Mondiale dell'Anatomia: La Scuola di Levi

Venerdì 15 ottobre, in occasione della Giornata Mondiale dell’Anatomia Umana, l'Università di Palermo organizza un webinar dedicato a Giuseppe Levi.

Al nostro direttore Alessandro Vercelli è affidato il compito di delineare il profilo dello scienziato che - a partire dal 1919 - lavorò presso l'Istituto di Anatomia dell'Università di Torino, dove è ricordato anche per essere stato maestro dei premi Nobel Rita Levi-Montalcini, Renato Dulbecco e Salvador Luria. 

15 ottobre 2021

Sportello LESIONI SPINALI

Mandateci le vostre domande

Premesso che al NICO ci occupiamo di ricerca di base (e non abbiamo quindi pazienti in cura), crediamo sia compito di noi ricercatori dare risposte chiare e soprattutto scientificamente corrette a chi incorre in notizie parzialmente false, scorrette o addirittura in vere e proprie bufale.
Il caso Stamina ci ha insegnato a essere vigili: un piccolo soffio di vento, se “seminato” in un terreno fertile, può infatti scatenare una pericolosa tempesta.

Da qui la volontà di creare questo sportello, uno spazio dedicato alle vostre domande e ai vostri dubbi. Un progetto nato in sinergia con il Coordinamento Para-Tetraplegici del Piemonte, con cui siamo in contatto da molto tempo, e con il Prof. Diego Garbossa, Primario di Neurochirurgia di Città della Salute e della Scienza di Torino, con cui abbiamo creato un team che riunisce ricerca base e neurochirurgia.

Inviate le vostre domande e le leggete alcune delle nostre risposte

31 agosto 2020