Chi siamo

Condividi su

Studiare meccanismi biologici fondamentali e sperimentare strategie terapeutiche innovative per le patologie neurodegenerative e neuropsichiatriche.

Questo l'obiettivo del NICO, centro di ricerca dedicato alle Neuroscienze che trae la sua forza dall'unione della ricerca di base (volta a capire i meccanismi di funzionamento e riparazione del sistema nervoso come problema biologico) con quella di tipo applicativo e clinico (che traduce la prima in approcci terapeutici, guardando al sistema nervoso come a un problema clinico).

Perché il NICO
La complessità degli studi sul cervello rende necessario adottare un approccio multidisciplinare.
La nascita del NICO risponde quindi all'esigenza di aggregare le esperienze complementari di venti docenti universitari e cinquanta ricercatori, sfruttando al meglio sia l'integrazione del patrimonio di conoscenza sia l'uso comune di laboratori e grandi e costose apparecchiature scientifiche.

Alzheimer, sclerosi multipla e SLA (sclerosi laterale amiotrofica).
Sono le patologie neuro-degenerative più conosciute, ma spesso si dimentica che la strada per trovare una terapia - così come quella per altre malattie o lesioni del sistema nervoso - parte inevitabilmente dalla ricerca di base.

Per questo la ricerca al NICO è dedicata a indagare sia struttura e funzione normale del sistema nervoso, sia i processi degenerativi e i meccanismi di riparazione e rigenerazione delle cellule cerebrali.

L'accoglienza dei ricercatori stranieri
Da aprile 2016 la Fondazione Cavalieri Ottolenghi è iscritta nell'elenco degli istituti autorizzati dal MIUR - Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca - alla stipula di convenzioni di accoglienza (D.M. 11 aprile 2008). Ciò significa che il nostro istituto può stipulare Convenzioni di accoglienza con cittadini di Paesi terzi dall'Unione europea, non residenti nell'Unione, con l'obiettivo di realizzare progetti di ricerca.

Per una corretta divulgazione scientifica
I nostri ricercatori sono impegnati in numerose attività di tipo divulgativo, dedicate in particolare agli studenti delle scuole superiori: Giornata Staminali, Olimpiadi delle Neuroscienze e Scientific Summer Academy.

Queste e altre iniziative sono pensate sia per avvicinare i ragazzi alla scienza, raccontando l’impegno e la passione che guida la ricerca scientifica, sia per comunicare con serietà e chiarezza un tema complesso come le Neuroscienze. 

Agenda

27 febbraio 2020

GLIAL CELLS-NEURON CROSSTALK IN CNS HEALTH AND DISEASE

University of Turin, Italy  
The Workshop is aimed at PhD students and young Postdocs with the goal to promote a thorough understanding of the functions of glial cells in health and disease. The program includes lectures on the newest conceptual advancements and methodological approaches in the study of glial cells in synaptic functions, development and CNS diseases.

Deadline for registration: December 23, 2019.

29 novembre 2019

NICO Progress Report - INN Open Neuroscience Forum 2019

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

Sportello LESIONI SPINALI

Paziente tetraplegico operato al CTO di Torino torna a usare le mani

Una notizia che abbiamo letto tutti di recente sui giornali. Noi del NICO abbiamo la fortuna di collaborare da anni con il dott. Bruno Battiston e il prof. Diego Garbossa - i chirurghi che hanno svolto l'operazione - e ci siamo fatti spiegare bene in cosa consiste l’intervento, quale era la situazione del paziente e quali saranno i possibili risultati. 
Tutto questo al di là delle semplificazioni e dei titoli roboanti dei giornali, comprensibilmente utilizzati per attirare l’attenzione dei lettori.

11 giugno 2019