Istituto

Condividi su

Il NICO ospita numerosi laboratori che assicurano la copertura di un'ampia gamma di attività multidisciplinari di ricerca applicate alle neuroscienze - neuroanotomia, biologia cellulare e molecolare, genetica, fisiologia cellulare - garantendo un clima estremamente collaborativo e scientificamente stimolante.

L'istituto è organizzato in tre piani/livelli, ognuno con una propria logica funzionale.

Il piano interrato accoglie le strutture dedicate agli animali, compresi l'ambulatorio, le stanze per lo studio del comportamento e il centro per l'acquisizione e l'analisi delle immagini.

Il piano terra ospita il laboratorio di neurobiologia clinica per la diagnosi della sclerosi multipla, i laboratori di biologia cellulare, le attrezzatture per P2 e P3, la sala conferenze e gli uffici di professori, ricercatori e studenti post-dottorandi.

Il piano superiore è organizzato in un grande open-space che contiene i laboratori di neuroanatomia e due spazi indipendenti con le attrezzature di biologia molecolare e elettrofisiologia. Questo piano ospita inoltre gli uffici dell'amministrazione, di altri professori e una piccola sala riunioni.

Chi siamo, i gruppi di ricerca [ scarica la brochure in pdf ]

Report annuali e progetto delle attività di ricerca dell'Istituto:

Agenda

31 maggio 2019

NICO Progress Report - INN Open Neuroscience Forum 2019

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

Ricerca

Interferenti endocrini. Il Parlamento europeo impegna la Commissione a emanare norme più restrittive

Buone notizie da Bruxelles. Il Parlamento europeo ha approvato a larga maggioranza una risoluzione che impegna la Commissione (vecchia e nuova) a emanare entro giugno 2020 una normativa più restrittiva che disciplini cosmetici, giocattoli e imballaggi alimentari e che - finalmente - applichi agli EDCs le stesse cautele usate per i composti classificati come sospetti cangerogeni. Una tesi a lungo sostenuta dalla Endrocrine Society e fortemente osteggiata dai rappresentanti della industria chimica.

30 aprile 2019