Metti in gioco i tuoi neuroni: entra con noi in laboratorio!

Condividi su
27/09/2016
Metti in gioco i tuoi neuroni: entra con noi in laboratorio!
logo_newNOTTE RICERCATORI 2016

Venerdì 30 settembre ci saremo anche noi del NICO

alla Notte Europea dei Ricercatori di Torino

Ti aspettiamo a partire dalle 17:00 in Piazza Castello
siamo allo stand n.40, al centro della piazza, vicino alle fontane

METTI IN GIOCO I TUOI NEURONI
Scopri la ricerca di base in Neuroscienze. Un'occasione per toccare con mano la ricerca, giocando e mettendosi alla prova con i nostri ricercatori.

Per riparare il cervello bisogna conoscerlo. Per questo al NICO studiamo struttura e funzioni del cervello normale, cercando di capire come si ammala e come possiamo curarlo.
Entra con noi in laboratorio: scopri come lavora un ricercatore attraverso giochi e quiz di neuroscienze.

Il nostro gioco a quiz
METTI ALLA PROVA I TUOI NEURONI... VINCI UNA GIORNATA AL NICO!

NICO_notte2015

Neuroscienze: quanto ne sai?
I sensi: li conosci davvero?
Il ricercatore sei tu: scopri il laboratorio, le norme di sicurezza e gli strumenti di ricerca, a che cosa servono e quanto costano.
Indovinelli: anagrammi, brain maze, tris, paroliere, trova le differenze e... rebus!

Per i più bravi in palio una giornata al NICO, per visitare i laboratori, conoscere i nostri ricercatori e toccare con mano la passione che guida il loro lavoro.

Sclerosi Multipla: se ne parla tanto, ma la conosci davvero?
IL QUIZZETTONE

SM_quizzettone

Alcune semplici domande per capire le cause e gli effetti della SM.  
Le nostre ricercatrici partono da qui per spiegare quali aspetti studiamo al NICO e che cosa puoi fare tu per aiutare la ricerca. 

LE NOSTRE RICERCHE AL MICROSCOPIO

microscopio_1

Com'è fatto il midollo spinale?
A che cosa servono i motoneuroni?
Come sono connesse le due metà del cervello?
Il cervello dei maschi e delle femmine è uguale?
Che cosa succede al cervello quando si ammala di Alzheimer?

microscopio_2

La risposta a queste e molte altre domande, guardando nel microscopio, con l'aiuto dei nostri ricercatori.
Scopriamo inoltre le differenze tra cervello umano, di topo, delfino e di altre specie.

SCOPRI L’HOMUNCULUS CHE C’È IN TE

Sei una persona sensi-bile?
Scoprilo con un semplice gioco e ricevi la tua personale mappa dei sensi!

LE NOSTRE RICERCHE IN POCHE PAROLE

Ecco alcuni dei temi di cui parleremo:
- CHE BELLA ESPERIENZA! Come gli stimoli esterni plasmano il nostro cervello
- CELLULE STAMINALI Il sogno di rifarsi un cervello
- NERVI A PEZZI Lesioni e danni al sistema nervoso

E poi i nostri progetti dedicati all'Invecchiamento: ricerca di base e applicata insieme per prevenire e combatterne gli effetti

HCK_LogoOrizz

Scopri i 6 progetti targati NICO che partecipano ad HackUniTo 4 Ageing > scarica la brochure

My-AHA My Active and Healthy Ageing: Un piattaforma ICT per invecchiare in salute
Il nostro direttore Alessandro Vercelli parla del progetto europeo che prevede di monitorare con sensori il rischio di fragilità fisica, cognitiva, psicologica e sociale. Intervenire precocemente per ridurne gli effetti negativi sulle persone anziane potrebbe ridurre di 12,5 milioni i giorni di ricovero ospedaliero e di oltre 40 milioni i ricoveri in istituti di lungo-degenza in Europa.

Progetto Aging - Corsa, benessere psicofisico e invecchiamento
  Paolo Peretto spiega come corretti stili di vita, tra cui la corsa in ambito amatoriale, favoriscano il mantenimento della plasticità cerebrale: un vero e proprio strumento preventivo delle funzioni cerebrali (memoria e risposta allo stress) e di altri parametri fisiologici nell’adulto e in particolare nell’invecchiamento.

Malattia di Alzheimer e sviluppo di nuovi approcci terapeutici
La malattia di Alzheimer è un disordine neurodegenerativo progressivo: è la più comune forma di demenza legata all’invecchiamento, che colpisce in Italia almeno 1 milione di persone. Elena Tamagno fa il punto sulle nostre ricerche, mirate allo studio dei meccanismi molecolari tossici alla base della malattia al fine di sperimentare nuovi approcci terapeutici.

Il Neurone Immortale?
Abbiamo dimostrato che i neuroni possono sopravvivere più a lungo dell’organismo che li genera. È una buona notizia perché indica che il tempo di sopravvivenza dei neuroni non è fissato dal codice genetico. Annalisa Buffo spiega come scoprendo e manipolando i meccanismi che regolano l’orologio dell’invecchiamento cerebrale, potremmo riprogrammarlo e mantenere così i neuroni in salute anche in età avanzata.

Siamo ciò che mangiamo. Sistema nervoso e fitoestrogeni: protezione o danni?
Studiare il meccanismo d’azione e l'impatto di alimenti ricchi di fitoestrogeni sulla salute umana è necessario per un’alimentazione più consapevole. Giovanna Ponti spiega i nostri studi sui fitoestrogeni: gli effetti negativi a lungo termine sulle malattie neurodegenerative e l'obesità (di questi e altri interferenti endocrini), ma anche il loro ruolo neuroprotettivo, soprattutto nel contesto della menopausa.

Agenda

06 novembre 2018

ZEISS Academy Workshop – Microscopia Correlativa 3D

Le ultime novità nella Microscopia Correlativa Multi-modale. Registrazione obbligatoria.

16 febbraio 2019

Torino - 10th International Meeting STEROIDS and NERVOUS SYSTEM

Since 2001, this meeting represented an important event for basic and clinical researchers working on this emerging scientific topic. We will address state-of-the-art approaches in the field of steroids and nervous system, including behavior, epigenetics, genomic and non-genomic actions, the vitamin D, neurodegenerative and psychiatric disorders, and the interference among endocrine disruptors and steroid signaling.

Ricerca

Identificato un nuovo bersaglio per contrastare la SMA

L’inibizione della proteina JNK rallenta la progressione della malattia che colpisce i motoneuroni ed è la prima causa genetica di morte nell’infanzia. Lo dimostra uno studio pubblicato su Frontiers in Molecular Neuroscience dal nostro gruppo di ricerca guidato da Alessandro Vercelli, in collaborazione con l’Istituto Mario Negri di Milano. Chiarire i meccanismi molecolari alla base della SMA può aprire la strada allo sviluppo di nuove terapie.

24 ottobre 2018