PorteAperte@NICO

Condividi su
25/10/2014
PorteAperte@NICO

Le neuroscienze sono un argomento complesso, ma i nostri ricercatori accettano la sfida. 
Spiegarvi in modo chiaro che cosa studiamo nei nostri laboratori. Come comunicano i neuroni, se e quando possono rigenerarsi e che cosa succede se non riescono a farlo.

Visita dei laboratori - durata del percorso: 2 ore circa
Orario 10:00 - 13:00 e 15:00 - 18:00
Si suggerisce di prenotare per agevolare l'organizzazione delle visite

Ecco i temi del percorso di visita: 

LA DIFESA CONTRO IL DANNO NEURONALE Cell Replacement e altre strategie di riparazione [scopri di più]

CHE BELLA ESPERIENZA! Come gli stimoli esterni plasmano il nostro cervello [scopri di più]

SCLEROSI MULTIPLA Diagnosi e ricerca [scopri di più]

SEX AND THE BRAIN Come gli ormoni steroidei influenzano i circuiti nervosi

CELLULE STAMINALI Il sogno di rifarsi un cervello [scopri di più]

NERVI A PEZZI Lesioni e danni al sistema nervoso centrale [scopri di più]

NERVI A PEZZI Lesioni e danni al sistema nervoso periferico [scopri di più]

Dove siamo
NICO - Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi
Azienda Ospedaliero-Universitaria San Luigi Gonzaga
Regione Gonzole, 10 - Orbassano (Torino)
scarica la cartina per trovarci più facilmente all'interno complesso del San Luigi

Per informazioni e adesioni
Barbara Magnani, referente comunicazione NICO
cell. 339 3096245 - barbara.magnani@unito.it

cartolina invito in pdf

porteaperte_taglio_sito

Agenda

14 novembre 2019

BraYn 2019 - dal 14 al 16 novembre a Milano

Fino al 31 luglio è possibile sottomettere gli abstract per la seconda conferenza annuale dei giovani neuroscienziati, in programma a Milano dal 14 al 16 novembre 2019.

Sportello LESIONI SPINALI

Paziente tetraplegico operato al CTO di Torino torna a usare le mani

Una notizia che abbiamo letto tutti di recente sui giornali. Noi del NICO abbiamo la fortuna di collaborare da anni con il dott. Bruno Battiston e il prof. Diego Garbossa - i chirurghi che hanno svolto l'operazione - e ci siamo fatti spiegare bene in cosa consiste l’intervento, quale era la situazione del paziente e quali saranno i possibili risultati. 
Tutto questo al di là delle semplificazioni e dei titoli roboanti dei giornali, comprensibilmente utilizzati per attirare l’attenzione dei lettori.

11 giugno 2019