Bambini e Bambine all'Università

Condividi su
24/03/2015
Bambini e Bambine all'Università

E' toccato al nostro Federico Luzzati intrattenere 400 piccoli studenti all'inauguarazione ospitata nell'Aula Magna della Cavallerrizza Reale dell'Università di Torino.

Con la sua conferenza-spettacolo C'ERA UNA VOLTA UN NEURONE! - ricca di animazioni, illusioni, teatro e giochi divertenti - Luzzati ha condotto bambine e bambini in un affascinante viaggio alla scoperta del tema scelto per quest'anno: le Neuroscienze.

Bambine e Bambini. Un giorno all'Università è il progetto promosso dalla Città di Torino con l'Università degli Studi, il Politecnico, il Conservatorio Statale "Giuseppe Verdi", IAAD - Istituto d'Arte e Design Applicati e l'Accademia Albertina delle Belle Arti di Torino e in collaborazione con Agorà Scienza, per avvicinare i piccoli allievi delle scuole primarie al mondo della ricerca scientifica e tecnologica e per costruire un immaginario di accessibilità all'alta formazione in condizioni di pari opportunità.

Il Rettore Gianmaria Ajani ha accolto i bambini insieme al Prorettore Elisabetta Barberis, spiegando che cos'è l'Università, come è organizzata e le diverse discipline che si studiano al suo interno, fornendo  uno sguardo inedito sul mondo dell'alta formazione, per avvicinare bambine e bambini a un futuro possibile e non così lontano.

Il percorso prosegue presso 19 tra Dipartimenti, Musei e Archivi dell'Università di Torino e Istituti di Ricerca che hanno risposto alla call lanciata dal Centro interuniversitario Agorà Scienza, coordinatore dell'iniziativa per l'Università di Torino, per un totale di 32 attività.

> scopri di più su AgoràScienza.it  e guarda la fotogallery su Facebook.

Agenda

17 maggio 2019

NICO Progress Report - INN Open Neuroscience Forum 2019

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

Ricerca

Interferenti endocrini. Il Parlamento europeo impegna la Commissione a emanare norme più restrittive

Buone notizie da Bruxelles. Il Parlamento europeo ha approvato a larga maggioranza una risoluzione che impegna la Commissione (vecchia e nuova) a emanare entro giugno 2020 una normativa più restrittiva che disciplini cosmetici, giocattoli e imballaggi alimentari e che - finalmente - applichi agli EDCs le stesse cautele usate per i composti classificati come sospetti cangerogeni. Una tesi a lungo sostenuta dalla Endrocrine Society e fortemente osteggiata dai rappresentanti della industria chimica.

30 aprile 2019