Metti una sera con il Club Rotary Torino Dora

Condividi su
08/02/2019
Metti una sera con il Club Rotary Torino Dora

Martedì 29 gennaio abbiamo ospitato con grande piacere una delegazione del Club Rotary Torino Dora.
Trenta rotariani curiosi di scienza e di cervello, invitati dal prof. Luca Bonfanti, coordinatore del nostro gruppo di ricerca di Neurogenesi adulta.

GENERICA

La visita al NICO ha permesso agli ospiti di avere una visione generale dell'Istituto e delle sue principali attività di ricerca, per poi focalizzare sul progetto NEURONI ALTERNATIVI coordinato dal Luca Bonfanti e mirato a studiare i "neuroni immaturi" dei mammiferi e dell'uomo.

Dopo la visita ai laboratori, i giovani ricercatori impegnati sul progetto hanno mostrato come si studiano i neuroni immaturi a partire dal cervello intero fino a visualizzare le cellule grazie a molecole di maturità e immaturità.

«La serata si è piacevolmente protratta oltre il limite, a causa delle numerose domande e delle legittime curiosità sull'argomento - dice Luca Bonfanti - troveremo quindi altre occasioni per soddisfare tale curiosità anche in futuro. Molti ci chiedono come attivare i neuroni immaturi: aiutateci a finanziare la ricerca e cercheremo le risposte! In trent'anni la nostra visione del cervello è radicalmente cambiata e cambierà ancora in futuro, ma è necessario il supporto di tutti».

Agenda

14 novembre 2019

BraYn 2019 - dal 14 al 16 novembre a Milano

Fino al 31 luglio è possibile sottomettere gli abstract per la seconda conferenza annuale dei giovani neuroscienziati, in programma a Milano dal 14 al 16 novembre 2019.

Sportello LESIONI SPINALI

Paziente tetraplegico operato al CTO di Torino torna a usare le mani

Una notizia che abbiamo letto tutti di recente sui giornali. Noi del NICO abbiamo la fortuna di collaborare da anni con il dott. Bruno Battiston e il prof. Diego Garbossa - i chirurghi che hanno svolto l'operazione - e ci siamo fatti spiegare bene in cosa consiste l’intervento, quale era la situazione del paziente e quali saranno i possibili risultati. 
Tutto questo al di là delle semplificazioni e dei titoli roboanti dei giornali, comprensibilmente utilizzati per attirare l’attenzione dei lettori.

11 giugno 2019