NeuroPsicoTOFest - Giornate delle Neuroscienze dal 27 al 29/6

Condividi su
18/06/2018
NeuroPsicoTOFest
SCRITTA NEUROPSICOTOFEST_per sito

L'interazione ambiente-ormoni-cervello, gli aspetti emozionali e cognitivi del dolore, i meccanismi cerebrali delle memorie traumatiche e dell'esposizione selettiva all'informazione. Sono solo alcuni dei temi protagonisti del NeuroPsicoTOFest: tre giornate, dal 27 al 29 giugno, per scoprire attività, risultati e prospettive di ricerca del Dipartimento di Neuroscienze “Rita Levi Montalcini” dell'Università di Torino, uno dei 20 dipartimenti di 'eccellenza' italiani (180 in tutto) per l'area "Scienze Mediche, Scienze Chirurgiche e Neuroscienze”.

Si parte mercoledì 27 con “Le Neuroscienze a Torino”: la storia e i grandi nomi - come Giuseppe Levi e il Premio Nobel Rita Levi Montalcini - che hanno reso le Neuroscienze torinesi tra le più importanti e riconosciute in ambito nazionale e internazionale.

Alle 12:30 l’incontro-tavola rotonda dedicato alla stampa (e aperto al pubblico) “Che cosa dicono le Neuroscienze alla società di oggi”, un'occasione per capire l’impatto della ricerca sulla vita di tutti i giorni.
Il Rettore dell’Università di Torino Gianmaria Ajani ed Enrico Cherubini, Direttore Scientifico dell'European Brain Research Institute – EBRI (e past president della Società Italiana di Neuroscienze), dialogano con Giancarlo Panzica (Direttore del Dipartimento di Neuroscience UniTO), Alessandro Zennaro (Direttore del Dipartimento di Psicologia UniTO) e Alessandro Vercelli (Direttore del Neuroscience Institute of Torino, NIT) sui grandi temi strategici delle neuroscienze attuali: la connettomica, con gli incredibili avanzamenti nell’imaging, la plasticità cerebrale nello sviluppo e nell’adulto, la genetica e la medicina personalizzata, insieme a temi più specifici che hanno cambiato la nostra visione sul funzionamento del cervello, come l’esistenza dei neuroni a specchio e il loro ruolo nell’empatia.

Cervello_Panzica

Ambiente, Ormoni e Sistema nervoso
Giancarlo Panzica, Direttore del Dipartimento di Neuroscienze UniTO
qui al NICO guida il gruppo di ricerca di Neuroendocrinologia
>> guarda la presentazione (pdf, 5 M)

INN VERCELLI

L'Istituto Nazionale di Neuroscienze e il ruolo dei Consorzi interuniversitari
Alessandro Vercelli, Presidente del Consorzio INN
direttore del NICO dove guida il gruppo di ricerca di Sviluppo e Patologia del Cervello
>> guarda la presentazione

NIT VERCELLI

NIT, Neuroscience Institute of Torino
Alessandro Vercelli, Presidente del NIT
>> guarda la presentazione

Si prosegue giovedì 28 con il focus sui nuovi approcci interdisciplinali e prospettive di ricerca - come la stimolazione cerebrale non invasiva- aperte dall’incontroTra Neuroscienze e Psicologia”. In chiusura - venerdì 29 - il tema della Neurodegenerazione, dove si incontrano ricerca biologica e ricerca clinica: dalle prospettive terapeutiche per l'autismo alla medicina di precisione per la cura della SLA, fino alle lesioni midollari.

Si consiglia di registrare la partecipazione compilando il form
Scarica il programma o vai al sito del convegno.

Agenda

16 febbraio 2019

Torino - 10th International Meeting STEROIDS and NERVOUS SYSTEM

Since 2001, this meeting represented an important event for basic and clinical researchers working on this emerging scientific topic. We will address state-of-the-art approaches in the field of steroids and nervous system, including behavior, epigenetics, genomic and non-genomic actions, the vitamin D, neurodegenerative and psychiatric disorders, and the interference among endocrine disruptors and steroid signaling.

Ricerca

Identificato un nuovo bersaglio per contrastare la SMA

L’inibizione della proteina JNK rallenta la progressione della malattia che colpisce i motoneuroni ed è la prima causa genetica di morte nell’infanzia. Lo dimostra uno studio pubblicato su Frontiers in Molecular Neuroscience dal nostro gruppo di ricerca guidato da Alessandro Vercelli, in collaborazione con l’Istituto Mario Negri di Milano. Chiarire i meccanismi molecolari alla base della SMA può aprire la strada allo sviluppo di nuove terapie.

24 ottobre 2018