Sclerosi Multipla: al CRESM del San Luigi incontri tra medici e pazienti

Condividi su
25/02/2019
Gruppo Bertolotto NICO

SCLEROSI MULTIPLA
Al CRESM del San Luigi incontri tra medici e pazienti

Divulgare informazioni sui progressi della ricerca - svolta presso i nostri laboratori, dal gruppo di Neurobiologia clinica - e sulle iniziative del Centro, ma anche avere una percezione diretta degli umori e delle necessità delle persone che frequentano il CRESM, così da poter migliorare la qualità dei servizi offerti.
Sono questi gli obiettivi del ciclo di incontri con pazienti e familiari organizzati dal dott. Antonio Bertolotto, Direttore S.C.D.O. Neurologia – CRESM dell’AOU San Luigi di Orbassano.

Di volta in volta verranno affrontati argomenti scientifici, come “I nuovi farmaci per la Sclerosi Multipla”, o temi che trovino riscontro nella quotidianità degli assistiti del Centro, come “il rinnovo della patente”.

AOU San Luigi di Orbassano
aula Pescetti (Polo Biologico .piano terra)  A.O.U. San Luigi Gonzaga
Per partecipare occorre prenotarsi inviando una mail a info.cresm@sanluigi.piemonte.it oppure lasciare un messaggio alla segreteria telefonica al numero 011 9026397

prossimo incontro:

martedì 5 marzo 2019 - dalle 17:30 alle 19:00

Il dott. Bertolotto incontra le persone con Sclerosi multipla e i loro familiari per dare informazioni e rispondere alle loro domande sulla malattia.

Argomenti in programma:

  • Terapia con Tysabri: meccanismo d’azione, ogni quante settimane si somministra, per quali pazienti è indicata, rischi e benefici, cosa fare in gravidanza, che cosa è la PML
  • Aggiornamenti sull’acquisto del Quanterix
  • Domande libere

Calendario 2019:

31/1
- Dieta Mima Digiuno: aggiornamenti sulla possibilità di partecipare alla sperimentazione
- Acquisto dello strumento “QUANTERIX”: come misurare il danno del Sistema Nervoso con un esame del sangue
- Cladribina: un nuovo farmaco per la SM a riacutizzazione
- Domande libere

S.C.D.O. Neurologia & CRESM
Centro di Riferimento Regionale Sclerosi Multipla dell’A.O.U. San Luigi Gonzaga di Orbassano (TO)

Direttore: dott. Antonio Bertolotto
Pazienti in carico: 2200 circa

Equipe medico-infermieristica dedicata: diagnosi,terapie,prelievi, monitoraggio farmaci, visite di controllo e d’urgenza

Day Hospital, Ambulatori, Day Service e Reparto

Dal 2001 Trapianto di cellule emolinfopoietiche in pazienti con SM recidivante-remittente molto aggressiva
Nuova tecnica di esecuzione della puntura lombare che riduce la cefaleapost-rachicentesi

Supporto psicologico con specialisti dedicati (incontri per neo-diagnosticati e per genitori di pazienti affetti da SM)
Esecuzione di test psico-cognitivi

Segreteria: servizio di informazione/prenotazioni, monitoraggio esami, organizzazione eventi, data management dei trials clinici

Partecipazione a studi clinici nazionali ed internazionali volti a raccogliere dati sulla sicurezza esull’efficacia di nuovi farmaci

La Ricerca scientifica

Ricerca scientifica di tipo traslazionale, incentrata sulla SM: studio dei meccanismi d’azione dell’Interferone beta e del Glatiramer acetato, identificazione e definizione del ruolo di anti-infiammatori; meccanismo biologico protettivo della gravidanza, miglioramento della diagnostica bio-molecolare della SM, metodiche neurofisiologiche, sperimentazione di nuovi farmaci.

Laboratorio di Neurobiologia Clinica: esame del liquor, anticorpi anti-IFNbeta e anti-Tysabri per identificare i pazienti non-responders biologici all’IFN ed al Natalizumab, anticorpi anti-rituximab, valutazione attività biologica dell’IFNbeta, anticorpi antiAQP4, anticorpi anti-MOG.

Laboratorio di Neurofisiologia Clinica sperimentale

Banca Biologica: attività diraccolta, sieratura e conservazione (tramite congelamento a -80 °C) di campioni biologici, nonché catalogazione informatica dei dati clinici ad essi correlati.  I campioni raccolti sono utilizzati per ricerca scientifica.

Laboratori e Banca Biologica sono ubicati qui al NICO 

Calendario 2017 e 2018:

2018

11/12 - Argomenti in programma:
- Vaccinazione antinfluenzale nei pazienti con SM
- “Problemi di vista” nella sclerosi multipla
- Domande libere e Auguri di Buon Natale!

23/10  - Argomenti in programma:
- Come il neurologo misura la gravità della malattia e la progressione della disabilità (EDSS)
- Persone che lavorano al CRESM
- Novità del Congresso Europeo sulla SM (ECTRIMS)
- Domande libere

26/9  - Argomenti in programma:
- Ocrelizumab: un nuovo farmaco per la sclerosi multipla
- L'importanza delle Biobanche
- Domande libere del pubblico

28/6 - Argomenti in programma:
- Con quali criteri i neurologi del CRESM scelgono il farmaco per ogni singolo paziente
- Modifiche organizzative nella gestione del CRESM
- Domande libere

3/5 - Informazioni e risposte ai pazienti e ai loro familiari
- Cosa si sa sulle cause della Sclerosi multipla
- Il metodo Coimbra e vitamina D
- Domande libere

15/3 - Informazioni e risposte ai pazienti e ai loro familiari

2017

12/12 - Aggiornamenti
terapie, cause, novità e curiosità sulla Sclerosi Multipla
- novità presentate al Congresso mondiale sulla SM tenutosi a Parigi dal 25 al 28 ottobre 2017.

19/10 - Terapie e farmaci
- terapie
- novità presentate al 48° Convegno della Società Italiana di Neurologia SIN (Napoli, 14-17 ottobre 2017)

14/9 - Aggiornamenti
- nuovi farmaci
- terapie alternative
- dieta mima-digiuno

4/5 - Terapie e farmaci 
- in base a quali criteri il neurologo vi propone uno dei 15 farmaci per la Sclerosi Multipla?
- Terapie “non convenzionali”

30/3 - I servizi e i progetti del CRESM
Argomento del giorno: la dieta mima-digiuno
Le terapie alternative

Agenda

21 marzo 2019

NICO Progress Report - INN Open Neuroscience Forum 2019

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

Ricerca

Atassia: scoperto il difetto cellulare responsabile di una rara malattia neurologica

Un malfunzionamento dei mitocondri, le centrali energetiche delle cellule, causa lo sviluppo della SCA28, una forma ereditaria di atassia. Dopo 10 anni di studi e grazie al sostegno di Fondazione Telethon, la scoperta del team di ricerca guidato dai proff. Alfredo Brusco e Filippo Tempia dell’Università di Torino e NICO. Lo studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Neurobiology of Disease.

4 dicembre 2018