Staminali: un inganno o una speranza?

Condividi su
14/04/2014
Staminali: un inganno o una speranza?

Il Coordinamento Para-tetraplegici del Piemonte condivide la posizione FAIP (Federazione Associazioni Italiane Paratetraplegici) contro la "ricerca che illude": condanna la "ricerca" che millanta risultati eccezionali ed alimenta l'illusione che possa avvenire il "miracolo" di tornare a "stare in piedi" senza alcun fondamento scientifico.

La FAIP ed il CP sostengono invece la ricerca seria e valicata, quella che, sulla base di evidenze scientifiche certe, punta al miglioramento concreto della qualità della vita delle persone che convivono con gli esiti di una lesione midollare. All'incontro c'eravamo anche noi del NICO. Il nostro direttore Alessandro Vercelli è intervenuto sul tema "La terapia cellulare per le lesioni del midollo spinale". Annalisa Buffo ha parlato invece di "Potenziamento delle capacità riparative endogene del tessuto nervoso per la cura delle lesioni midollari".

Abstract degli interventi: scarica

Agenda

14 febbraio 2020

NICO Progress Report

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì in sala Seminari.

27 febbraio 2020

GLIAL CELLS-NEURON CROSSTALK IN CNS HEALTH AND DISEASE

University of Turin, Italy  
The Workshop is aimed at PhD students and young Postdocs with the goal to promote a thorough understanding of the functions of glial cells in health and disease. The program includes lectures on the newest conceptual advancements and methodological approaches in the study of glial cells in synaptic functions, development and CNS diseases.

 

Sportello LESIONI SPINALI

Paziente tetraplegico operato al CTO di Torino torna a usare le mani

Una notizia che abbiamo letto tutti di recente sui giornali. Noi del NICO abbiamo la fortuna di collaborare da anni con il dott. Bruno Battiston e il prof. Diego Garbossa - i chirurghi che hanno svolto l'operazione - e ci siamo fatti spiegare bene in cosa consiste l’intervento, quale era la situazione del paziente e quali saranno i possibili risultati. 
Tutto questo al di là delle semplificazioni e dei titoli roboanti dei giornali, comprensibilmente utilizzati per attirare l’attenzione dei lettori.

10 giugno 2019