Dal guscio dei crostacei una nuova terapia per riparare le lesioni dei nervi

Condividi su
16/11/2015
microchirurgia

26-28 novembre 2015
26° Congresso Nazionale della Società Italiana di Microchirurgia
Torino capitale italiana della Microchirurgia

Dal guscio dei crostacei una nuova terapia per riparare le lesioni dei nervi 
Presto disponibili anche in Italia le protesi al chitosano, utili per 10mila casi di lesioni all’anno

Dalla chirurgia plastica all’ortopedia, dalla otorinolaringoiatria alla chirurgia maxillofacciale fino alla cura delle lesioni nervose con protesi ricavate dal guscio dei crostacei. Ne discutono oltre 200 medici e ricercatori riuniti a Torino per il 26° Congresso Nazionale della Società Italiana di Microchirurgia, in programma dal 26 al 28 novembre al Museo dell’Automobile.

Un’occasione per la comunità dei microchirurghi italiani, insieme a numerosi ospiti stranieri, per confrontarsi sulle attuali prospettive d’impiego delle tecniche microchirurgiche in vari ambiti clinici e diverse specialità.

La tecnica microchirurgica, grazie all’ausilio di mezzi ottici di altissima precisione, ha fatto passi da gigante negli ultimi 15 anni” spiega il Dott. Pierluigi Tos, Presidente dalla Società Italiana di Microchirurgia e responsabile dell’Unità Operativa di Microchirurgia dell’Ospedale CTO - Città della Salute e della Scienza di Torinoe permette oggi la ricostruzione e il recupero funzionale di lesioni incurabili solo fino a pochi anni fa, in tutti gli ambiti della chirurgia. Si pensi ai reimpianti e trapianti compositi (d’arti, di faccia), alle ricostruzioni con tessuti autologhi della mammella e della testa e collo che danno risultati impossibili con altre tecniche. In Italia siamo all’avanguardia in tutti i campi della microchirurgia e a Torino abbiamo una lunga storia sulla cura e ricerca sulle lesioni nervose periferiche”.

Rigenerazione in tubulizzazione

Tra le innovazioni presentate al congresso - nel corso del simposio “Chirurgia e ricerca  sul sistema nervoso periferico” -  anche i primi risultati dei trials clinici sull’impiego di protesi nervose artificiali composte di chiosano, un biomateriale di origine naturale derivato dal guscio di crostacei.

Un evento particolarmente significativo, perché abbiamo presentato queste protesi per la prima volta proprio qui a Torino, due anni fa, in occasione del Simposio internazionale sulla rigenerazione nervosa” commenta il prof. Stefano Geuna, ricercatore del NICO e docente dell’Università di Torino.

Gli eccellenti risultati delle analisi pre-cliniche condotte grazie al supporto di un finanziamento dalla Commissione Europea - continua il prof. Geuna, coordinatore per l’Italia del progetto europeo Biohybrid (che ha coinvolto imprese biotech e centri di ricerca di sei paesi) - hanno permesso di ottenere in tempi rapidi l’autorizzazione all’utilizzo clinico delle protesi”.

Entro fine anno le “protesi” saranno disponibili anche in Italia e utilizzate dai microchirurghi del CTO della Città della Salute di Torino. Incidenti sul lavoro, sulla strada o anche in casa: si stima siano oltre 200mila le lesioni all’anno in Europa. Una percentuale significativa - circa il 5-10%, pari a 10-20mila  casi - potrebbe beneficiare di queste protesi che, fornendo alle fibre nervose un tunnel attraverso il quale ricrescere, permettono un recupero funzionale dei nervi lesionati paragonabile a quello degli innesti autotrapiantati.

Agenda

16 febbraio 2019

Torino - 10th International Meeting STEROIDS and NERVOUS SYSTEM

Since 2001, this meeting represented an important event for basic and clinical researchers working on this emerging scientific topic. We will address state-of-the-art approaches in the field of steroids and nervous system, including behavior, epigenetics, genomic and non-genomic actions, the vitamin D, neurodegenerative and psychiatric disorders, and the interference among endocrine disruptors and steroid signaling.

Ricerca

Identificato un nuovo bersaglio per contrastare la SMA

L’inibizione della proteina JNK rallenta la progressione della malattia che colpisce i motoneuroni ed è la prima causa genetica di morte nell’infanzia. Lo dimostra uno studio pubblicato su Frontiers in Molecular Neuroscience dal nostro gruppo di ricerca guidato da Alessandro Vercelli, in collaborazione con l’Istituto Mario Negri di Milano. Chiarire i meccanismi molecolari alla base della SMA può aprire la strada allo sviluppo di nuove terapie.

24 ottobre 2018