L'eccellenza della ricerca italiana ospite all'Evento annuale ISSNAF - Washington

Condividi su
23/10/2018
ISSNAF Annual event 2018

22 e 23 ottobre
Ambasciata Italiana, Washington DC
ISSNAF - Evento annuale 2018
Longevity: the Impact of Research, Economics, AI and Robotics to live longer, Better Lives

issnaf

Per il suo decimo anniversario, ISSNAF ha dedicato l'edizione 2018 dell'evento annuale alla Longevità, e al contributo che ricercatori, esperti di tecnologia, innovatori e aziende possono dare per vivere una vita più lunga e migliore.

Il nostro direttore Alessandro Vercelli, tra gli invitati del Simposio "RICERCA FINANZIATA UE IN TECNOLOGIE PER UN INVECCHIAMENTO SANO E ATTIVO: UNA STORIA DI SUCCESSO ITALIANO", ha presentato il progetto di ricerca My Healthy and Active Ageing come esempio di successo nell'ambito del programma di finanziamento europeo Horizon2020.

>> programma del simposio

ISSNAF è un'organizzazione no-profit la cui missione è promuovere la cooperazione scientifica, accademica e tecnologica tra ricercatori e studiosi italiani attivi in ​​Nord America e nel mondo della ricerca, del mondo accademico e dell'industria in Italia.

Agenda

16 febbraio 2019

Torino - 10th International Meeting STEROIDS and NERVOUS SYSTEM

Since 2001, this meeting represented an important event for basic and clinical researchers working on this emerging scientific topic. We will address state-of-the-art approaches in the field of steroids and nervous system, including behavior, epigenetics, genomic and non-genomic actions, the vitamin D, neurodegenerative and psychiatric disorders, and the interference among endocrine disruptors and steroid signaling.

Ricerca

Atassia: scoperto il difetto cellulare responsabile di una rara malattia neurologica

Un malfunzionamento dei mitocondri, le centrali energetiche delle cellule, causa lo sviluppo della SCA28, una forma ereditaria di atassia. Dopo 10 anni di studi e grazie al sostegno di Fondazione Telethon, la scoperta del team di ricerca guidato dai proff. Alfredo Brusco e Filippo Tempia dell’Università di Torino e NICO. Lo studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Neurobiology of Disease.

4 dicembre 2018