La propagazione dei danni cerebrali nel morbo di Alzheimer

Condividi su
07/11/2015
La propagazione dei danni cerebrali nel morbo di Alzheimer

Rejuvenation Research, novembre 2015

La propagazione dei danni cerebrali nel morbo di Alzheimer
Trasmissione delle lesioni neuronali di un cervello con patologia Alzheimer a trapianti di tessuto cerebrale sano

Mohcene Sadallah1,2,  Vivien Labat-Gest1 e Filippo Tempia1,3 
 
I meccanismi con cui il danno cerebrale si propaga dalla sede in cui ha origine al resto del cervello non sono ancora noti, ma avrebbero tuttavia importanti implicazioni per lo sviluppo di terapie basate su trapianti di cellule nervose o di tessuto cerebrale.

In questa ricerca sono stati fatti dei trapianti di tessuto cerebrale sano in cervelli affetti da patologia Alzheimer.
Il tessuto trapiantato si è integrato bene con il cervello ma mostrava dei deficit di sviluppo: la crescita degli assoni era ridotta e i dendriti sviluppavano meno spine. Inoltre era presente una lieve reazione infiammatoria ai danni del tessuto trapiantato.

Questo studio rappresenta una base di partenza per future ricerche volte ad arrestare il danno cerebrale nei pazienti con morbo di Alzheimer e per disegnare nuove strategie terapeutiche utilizzanti trapianti di neuroni sani.

1 Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi (NICO), University of Torino, Orbassano (Torino), Italy.
2 Department of Biology, Ecole Normale Supérieure de Kouba, Algiers, Algeria.
3 Department of Neuroscience and National Institute of Neuroscience–Italy (INN), University of Torino, Torino, Italy.

Agenda

16 febbraio 2019

Torino - 10th International Meeting STEROIDS and NERVOUS SYSTEM

Since 2001, this meeting represented an important event for basic and clinical researchers working on this emerging scientific topic. We will address state-of-the-art approaches in the field of steroids and nervous system, including behavior, epigenetics, genomic and non-genomic actions, the vitamin D, neurodegenerative and psychiatric disorders, and the interference among endocrine disruptors and steroid signaling.

Ricerca

Identificato un nuovo bersaglio per contrastare la SMA

L’inibizione della proteina JNK rallenta la progressione della malattia che colpisce i motoneuroni ed è la prima causa genetica di morte nell’infanzia. Lo dimostra uno studio pubblicato su Frontiers in Molecular Neuroscience dal nostro gruppo di ricerca guidato da Alessandro Vercelli, in collaborazione con l’Istituto Mario Negri di Milano. Chiarire i meccanismi molecolari alla base della SMA può aprire la strada allo sviluppo di nuove terapie.

24 ottobre 2018