Medulloblastoma: bloccata la progressione del tumore che colpisce il cervelletto dei bambini.

Condividi su
08/07/2018
Medulloblastoma: bloccata la progressione del tumore che colpisce il cervelletto dei bambini.

Cancer Research, giugno
Medulloblastoma: bloccata la progressione del tumore che colpisce il cervelletto dei bambini.
Inattivare la proteina Citron Kinase determina la morte delle cellule tumorali. I risultati, realizzati anche grazie al sostegno dell'AIRC, aprono nuove prospettive per lo sviluppo di farmaci di supporto nella terapia del medulloblastoma.

Pallavicini G 1,2, Sgro F 1, Garello F 1, Falcone M 1,3,4, Bitonto V 1, Berto GE 1,2, Bianchi FT 1,2, Gai M 1, Chiotto AM 1,2, Filippi M 1, Cutrin JC 1, Ala U 1, Terreno E 1, Turco E 1, Di Cunto F 1,2,5

Le cellule del medulloblastoma, un tumore molto aggressivo che colpisce soprattutto il cervelletto dei bambini, sono sensibili all’inattivazione di Citron Kinase (CITK), proteina implicata nella divisione cellulare e nella stabilità genomica dei progenitori neuronali durante lo sviluppo del cervello. Il silenziamento di CITK blocca infatti il processo replicativo delle cellule tumorali, provocandone la morte o il decadimento del potenziale neoplastico: effetti che - in diversi modelli sperimentali - portano a una riduzione sostanziale dei tumori.

Questi risultati - pubblicati su Cancer Research - sono frutto di diversi anni di ricerche del nostro gruppo di Neurogenesi embrionale, guidato dal prof. Ferdinando di Cunto, svolte anche grazie al sostegno dell’AIRC, Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro. Lo studio è particolarmente rilevante per lo sviluppo di nuovi farmaci di supporto nella terapia del medulloblastoma, considerato che CITK è una proteina di potenziale interesse farmacologico.

ll medulloblastoma è il più frequente tumore cerebrale dei bambini, responsabile di circa il 20% dei casi. In Italia si ammalano circa 100 bambini ogni anno.
Oggi le terapie prevedono l’asportazione chirurgica del tumore, seguita da radioterapia con possibile associazione di alte dosi di chemioterapici. Nonostante una buona efficacia in termini di sopravvivenza, questi trattamenti hanno un impatto pesantissimo sullo sviluppo psicomotorio ed endocrino: per migliorare la sopravvivenza e la qualità di vita dei pazienti è fondamentale quindi sviluppare nuove terapie più specifiche e meno invasive.

Copertina_t

«La proteina CITK è implicata nella divisione cellulare e nella stabilità genomica dei progenitori neuronali durante lo sviluppo del cervello – spiega Ferdinando Di Cunto –. In studi precedenti, sviluppati presso i laboratori dell’MBC, Università di Torino, il nostro gruppo di ricerca ha stabilito che CITK è fondamentale, oltre che per garantirne la stabilità, anche per la sopravvivenza dei progenitori neurali. Considerate le somiglianze molecolari esistenti tra progenitori normali e le cellule del medulloblastoma - continua Di Cunto - abbiamo dimostrato che queste ultime sono sensibili all’inattivazione di CITK: l'ablazione della proteina determina infatti un blocco replicativo delle cellule di medulloblastoma, seguito da morte o senescenza. Questi effetti portano a una riduzione sostanziale dei tumori ottenuti in diversi modelli sperimentali che abbiamo studiato».  

«Il nostro lavoro – conclude Di Cunto - rappresenta un buon esempio di come la ricerca base possa avere ricadute che vanno molto al di là delle motivazioni iniziali degli studi. Lo scopo iniziale delle nostre ricerche era infatti studiare le basi molecolari della microcefalia, una rara malattia del neurosviluppo: l’estensione alla patologia tumorale è stata molto naturale, in considerazione dei meccanismi in cui ci siamo imbattuti».

Nell'immagine di copertina e qui a sinistra: la micrografia di una sezione istologica di medulloblastoma in cui è stata rimossa la proteina CITK, ottenuta dopo colorazione con un marcatore molecolare di senescenza (cellule marroni).

graphical-abstract

Graphical abstract
La rimozione della proteina CITK in modelli murini di medulloblastoma induce senescenza e apoptosi, determinando un rallentamento della crescita tumorale.

1 Department of Molecular Biotechnology and Health Sciences, University of Turin, Italy.
2 Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi, University of Turin, Italy.
3 Division of Stem Cells and Cancer, German Cancer Research Center (DKFZ) and DKFZ-ZMBH Alliance, Heidelberg, Germany
4 Heidelberg Institute for Stem Cell Technology and Experimental Medicine (HI-STEM gGmbH), Heidelberg, Germany
5 Department of Neuroscience, University of Turin, Italy.

Agenda

14 novembre 2019

BraYn 2019 - dal 14 al 16 novembre a Milano

Fino al 31 luglio è possibile sottomettere gli abstract per la seconda conferenza annuale dei giovani neuroscienziati, in programma a Milano dal 14 al 16 novembre 2019.

Sportello LESIONI SPINALI

Paziente tetraplegico operato al CTO di Torino torna a usare le mani

Una notizia che abbiamo letto tutti di recente sui giornali. Noi del NICO abbiamo la fortuna di collaborare da anni con il dott. Bruno Battiston e il prof. Diego Garbossa - i chirurghi che hanno svolto l'operazione - e ci siamo fatti spiegare bene in cosa consiste l’intervento, quale era la situazione del paziente e quali saranno i possibili risultati. 
Tutto questo al di là delle semplificazioni e dei titoli roboanti dei giornali, comprensibilmente utilizzati per attirare l’attenzione dei lettori.

11 giugno 2019