Neuroni alternativi

Condividi su
10/04/2017
Neuroni alternativi

Neuroni alternativi

di Luca Bonfanti, gruppo di ricerca Neurogenesi adulta
L’idea

Gli studi effettuati su topi e cavie (roditori da laboratorio) hanno rivelato forme di plasticità che si pensavano assenti nel cervello dei mammiferi, come la genesi di nuovi neuroni nel corso della vita adulta.
Queste forme ”estreme” di plasticità, pur presenti nell’uomo, risultano meno evidenti, a causa di scelte evolutive. Come alternativa, sono state identificate nuove popolazioni di cellule nervose, presenti già alla nascita, che rimarrebbero in uno stato di immaturità all’interno della corteccia cerebrale. Questi “neuroni immaturi” possono restare silenti per anni, come una riserva in attesa di essere utilizzata nel momento del bisogno.

Il progetto

Il nostro laboratorio ha iniziato a studiare l’esistenza dei neuroni immaturi in diverse specie di mammiferi. I dati ottenuti suggeriscono che questo tipo di plasticità, anzichè diminuire come la neurogenesi, potrebbe essere mantenuta, o addirittura aumentata, in cervelli grandi e complessi, appartenenti a specie longeve (come l’uomo). Si conosce ancora molto poco sui neuroni immaturi.

Il nostro progetto intende investigare questo tipo di plasticità in almeno 20 mammiferi (uomo incluso), utilizzando i cervelli depositati in banche biologiche di istituzioni italiane e straniere. L’obiettivo è ambizioso: un lungo viaggio attraverso le diverse neuroanatomie che si sono diversificate nella filogenesi con il fine di stabilire se (e come) le scelte evolutive abbiano “scolpito” la plasticità dal topo all’uomo, e per capire su quale tipo di plasticità sia meglio investire nel nostro cervello.

Le ricadute

Le difficoltà incontrate a sfruttare il potenziale riparativo del cervello dei mammiferi (un potenziale che si spera ancora di poter aumentare, sebbene fortemente ridotto dalle scelte evolutive) sono compensate dall’affascinante scoperta che la plasticità cerebrale può avere altre funzioni “fisiologiche” che consentono al cervello di adattarsi a diverse situazioni ambientali e prevenire i danni dell’invecchiamento.

L’esistenza di forme alternative di plasticità, come quella recentemente ipotizzata dei neuroni immaturi, può rappresentare uno strumento per mantenere giovane ed efficiente il nostro cervello, nonostante il progressivo aumento delle aspettative di vita. Ma non solo: una riserva di neuroni “giovani” potrebbe avere un ruolo nel contrastare o quantomeno rallentare l’insorgenza di malattie neurodegenerative (come l’Alzheimer) o di demenze senili.

In collaborazione con

Logos Alter Neur j_new

Per informazioni: luca.bonfanti@unito.it

Sostieni il progetto

Lo studio necessita di sostegno economico per coprire i costi materiali della ricerca e per favorire il coinvolgimento di giovani ricercatrici e ricercatori.
Puoi sostenere questo e altri progetti di ricerca:

con un   bonifico bancario  intestato a Fondazione Cavalieri Ottolenghi
IBAN: IT62X0200801140000060029682
IMPORTANTE!
indica nell'oggetto: Progetto NEURONI ALTERNATIVI, Prof. Bonfanti

oppure dona in modo sicuro con

ppcom

Agenda

06 novembre 2018

ZEISS Academy Workshop – Microscopia Correlativa 3D

Le ultime novità nella Microscopia Correlativa Multi-modale. Registrazione obbligatoria.

16 febbraio 2019

Torino - 10th International Meeting STEROIDS and NERVOUS SYSTEM

Since 2001, this meeting represented an important event for basic and clinical researchers working on this emerging scientific topic. We will address state-of-the-art approaches in the field of steroids and nervous system, including behavior, epigenetics, genomic and non-genomic actions, the vitamin D, neurodegenerative and psychiatric disorders, and the interference among endocrine disruptors and steroid signaling.

Ricerca

Identificato un nuovo bersaglio per contrastare la SMA

L’inibizione della proteina JNK rallenta la progressione della malattia che colpisce i motoneuroni ed è la prima causa genetica di morte nell’infanzia. Lo dimostra uno studio pubblicato su Frontiers in Molecular Neuroscience dal nostro gruppo di ricerca guidato da Alessandro Vercelli, in collaborazione con l’Istituto Mario Negri di Milano. Chiarire i meccanismi molecolari alla base della SMA può aprire la strada allo sviluppo di nuove terapie.

24 ottobre 2018