Olimpiadi delle Neuroscienze 2017: sul podio ancora Alba e Novara

Condividi su
18/03/2017
Olimpiadi delle Neuroscienze 2017: sul podio ancora Alba e Novara

Imbattibili Novara e Alba, ancora sul podio della finale regionale delle Olimpiadi delle Neuroscienze che si è svolta oggi al Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Torino.

150 studenti in gara, i migliori 5 selezionati tra gli oltre 600 di 31 scuole superiori piemontesi che hanno svolto la prova locale nelle scuole il 17 febbraio.
Ed ecco i vincitori (nella foto da sinistra):

  • Bianca Slivinschi del Liceo Classico Govone di Alba (vincitore per il secondo anno)
  • Alessia Mittino del Liceo Scientifico Antonelli di Novara (sul podio per il quarto anno di fila)
  • Simone Buccola del Liceo Classico Govone di Alba (vincitore per il secondo anno)

Gli studenti si sono cimentati con cruciverba a gruppi, domande a scelta multipla e infine a risposta diretta, ovviamente su temi di neuroscienze come memoria, emozioni, stress, invecchiamento e le malattie del sistema nervoso.

I tre vincitori conquistano la finale nazionale, in programma al CNR di Catania il 5 e 6 maggio.
Il vincitore, che rappresenterà l'Italia, riceve una borsa di studio per partecipare alla competizione internazionale che si terrà a Washington ad agosto.

Agenda

26 luglio 2019

NICO Progress Report - INN Open Neuroscience Forum 2019

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

14 novembre 2019

BraYn 2019 - dal 14 al 16 novembre a Milano

Fino al 31 luglio è possibile sottomettere gli abstract per la seconda conferenza annuale dei giovani neuroscienziati, in programma a Milano dal 14 al 16 novembre 2019.

Sportello LESIONI SPINALI

Paziente tetraplegico operato al CTO di Torino torna a usare le mani

Una notizia che abbiamo letto tutti di recente sui giornali. Noi del NICO abbiamo la fortuna di collaborare da anni con il dott. Bruno Battiston e il prof. Diego Garbossa - i chirurghi che hanno svolto l'operazione - e ci siamo fatti spiegare bene in cosa consiste l’intervento, quale era la situazione del paziente e quali saranno i possibili risultati. 
Tutto questo al di là delle semplificazioni e dei titoli roboanti dei giornali, comprensibilmente utilizzati per attirare l’attenzione dei lettori.

11 giugno 2019