Olimpiadi delle Neuroscienze 2017: sul podio ancora Alba e Novara

Condividi su
18/03/2017
Olimpiadi delle Neuroscienze 2017: sul podio ancora Alba e Novara

Imbattibili Novara e Alba, ancora sul podio della finale regionale delle Olimpiadi delle Neuroscienze che si è svolta oggi al Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Torino.

150 studenti in gara, i migliori 5 selezionati tra gli oltre 600 di 31 scuole superiori piemontesi che hanno svolto la prova locale nelle scuole il 17 febbraio.
Ed ecco i vincitori (nella foto da sinistra):

  • Bianca Slivinschi del Liceo Classico Govone di Alba (vincitore per il secondo anno)
  • Alessia Mittino del Liceo Scientifico Antonelli di Novara (sul podio per il quarto anno di fila)
  • Simone Buccola del Liceo Classico Govone di Alba (vincitore per il secondo anno)

Gli studenti si sono cimentati con cruciverba a gruppi, domande a scelta multipla e infine a risposta diretta, ovviamente su temi di neuroscienze come memoria, emozioni, stress, invecchiamento e le malattie del sistema nervoso.

I tre vincitori conquistano la finale nazionale, in programma al CNR di Catania il 5 e 6 maggio.
Il vincitore, che rappresenterà l'Italia, riceve una borsa di studio per partecipare alla competizione internazionale che si terrà a Washington ad agosto.

Agenda

06 novembre 2018

ZEISS Academy Workshop – Microscopia Correlativa 3D

Le ultime novità nella Microscopia Correlativa Multi-modale. Registrazione obbligatoria.

16 febbraio 2019

Torino - 10th International Meeting STEROIDS and NERVOUS SYSTEM

Since 2001, this meeting represented an important event for basic and clinical researchers working on this emerging scientific topic. We will address state-of-the-art approaches in the field of steroids and nervous system, including behavior, epigenetics, genomic and non-genomic actions, the vitamin D, neurodegenerative and psychiatric disorders, and the interference among endocrine disruptors and steroid signaling.

Ricerca

Identificato un nuovo bersaglio per contrastare la SMA

L’inibizione della proteina JNK rallenta la progressione della malattia che colpisce i motoneuroni ed è la prima causa genetica di morte nell’infanzia. Lo dimostra uno studio pubblicato su Frontiers in Molecular Neuroscience dal nostro gruppo di ricerca guidato da Alessandro Vercelli, in collaborazione con l’Istituto Mario Negri di Milano. Chiarire i meccanismi molecolari alla base della SMA può aprire la strada allo sviluppo di nuove terapie.

24 ottobre 2018