News ricerca

Condividi su

Filtra per anno:

Neonati: effetti negativi dei fitoestrogeni presenti nella soia

La somministrazione di genisteina altera permanentemente alcuni circuiti ipotalamici nei topi neonati. Su Neuroscience i risultati della ricerca svolta dal nostro gruppo di Neuroendocrinologia in collaborazione con i Dipartimenti di Scienze veterinarie e di Neuroscienze dell'Università di Torino.

18 febbraio 2017

Estrogeni: uno studio sui meccanismi che regolano ansietà e metabolismo

L'azione degli estrogeni sulla modulazione dei circuiti ipotalamici che controllano ansietà e metabolismo è mediata dal recettore di membrana GPER-1.
Su Neuroendocrinology i risultati del nostro studio, in collaborazione con i colleghi spagnoli.

1 febbraio 2017

Lesioni dei nervi periferici: individuato il fattore che può limitare la rigenerazione nervosa

Lo studio, pubblicato su “Journal of Neurosurgery” dal gruppo del Prof. Stefano Geuna in collaborazione con i colleghi chirurghi del CTO di Torino e dell'Univerisità di Palermo, mostra come la rigenerazione sia compromessa a causa dei cambiamenti molecolari e biologici che avvengono in seguito a una degenerazione nervosa protratta nel tempo.

29 gennaio 2017

POSITION AVAILABLE FOR THREE-YEAR PhD for CHINESE STUDENTS

Project on Brain plasticity in the context of PhD programme in Veterinary Sciences.
First selection of candidates: application deadline February 24th

27 gennaio 2017

Neurogenesi Adulta e Attrazione Sessuale

L’attrazione sessuale, così come gli altri comportamenti, è il frutto di una complessa interazione fra geni e ambiente che modella i circuiti nervosi coinvolti nel controllo del comportamento riproduttivo.
Se questa interazione ormai è nota, molti sono ancora i punti da chiarire rispetto a come avviene. Lo studio pubblicato dal nostro gruppo di “neurogenesi adulta” su Scientific Reports fa luce proprio sui meccanismi che - interposti tra geni e ambiente - regolano il comportamento d’attrazione sessuale.

24 gennaio 2017

Malattia di Alzheimer: uno studio sui monomeri Aβ1-42

Su Aging Cell lo studio di Elena Tamagno con il gruppo di Sviluppo e patologia del cervello.

29 ottobre 2016

Composti distruttori del metabolismo (MDC)

La recente “epidemia” di malattie metaboliche come obesità e diabete di tipo II non può essere attribuita solo a fattori genetici, o ad altre cause come cambiamenti nella dieta, mancanza di esercizio e invecchiamento della popolazione. Esistono sostanze nell’ambiente in grado di aumentare la possibilità di sviluppare malattie metaboliche attraverso la loro azione su molteplici bersagli (tessuto adiposo, pancreas, fegato, muscolo, circuiti nervosi): proponiamo che vengano denominate “composti distruttori del metabolismo (MDC)”.

23 ottobre 2016

HackUniTO for Ageing: i nostri progetti dedicati all'invecchiamento

Scopri e sostieni i nostri progetti: ricerca di base e applicata insieme per prevenire e combattere gli effetti dell'invecchiamento.

23 settembre 2016

Agenda

21 maggio 2021

Sportello LESIONI SPINALI

Mandateci le vostre domande

Premesso che al NICO ci occupiamo di ricerca di base (e non abbiamo quindi pazienti in cura), crediamo sia compito di noi ricercatori dare risposte chiare e soprattutto scientificamente corrette a chi incorre in notizie parzialmente false, scorrette o addirittura in vere e proprie bufale.
Il caso Stamina ci ha insegnato a essere vigili: un piccolo soffio di vento, se “seminato” in un terreno fertile, può infatti scatenare una pericolosa tempesta.

Da qui la volontà di creare questo sportello, uno spazio dedicato alle vostre domande e ai vostri dubbi. Un progetto nato in sinergia con il Coordinamento Para-Tetraplegici del Piemonte, con cui siamo in contatto da molto tempo, e con il Prof. Diego Garbossa, Primario di Neurochirurgia di Città della Salute e della Scienza di Torino, con cui abbiamo creato un team che riunisce ricerca base e neurochirurgia.

Inviate le vostre domande e le leggete alcune delle nostre risposte

31 agosto 2020